GTranslate

 

Vinci/Galesi. LA TERRA DEI FIORI

08 Febbraio 2018 - 30 Marzo 2018
Milano, aA29 Project Room. A cura di Daniele Capra
Vinci GalesiaA29 Project Room è lieta di inaugurare il nuovo spazio di Milano in Piazza Caiazzo 3 con la mostra La terra dei fiori, che raccoglie i disegni, le immagini della performance, il video ed il film realizzati dal duo Vinci/Galesi in occasione della personale ospitata dalla Reggia di Caserta nel corso del 2017.
La mostra, curata da Daniele Capra, porta a compimento il progetto che racconta le possibilità simboliche di rigenerazione dell’arte rispetto al territorio campano, che negli ultimi trent’anni è stato oggetto di una violenta trasformazione dovuta alla malavita e al degrado ambientale. Le opere e l’intervento realizzati da Vinci/Galesi alla Reggia di Caserta testimoniano proprio come, con piccole ma significative azioni, sia possibile trasformare la terra dei fuochi, disseminata di scorie tossiche e in ostaggio della camorra, alla terra dei fiori, luogo in cui crescono fiori che l’arte utilizza come espressione di piacere e spiritualità. L’esposizione è corredata da un catalogo bilingue con le immagini del progetto, i testi di Gabi Scardi e del curatore, nonché da un’addenda che contiene la documentazione dell’azione avvenuta presso la Reggia.
Le immagini e i video ospitati in galleria raccontano la performance che Vinci/Galesi hanno realizzato, insieme a due gruppi di bardatori di Scicli e a uno stallone frisone nero, a partire dai giardini del palazzo. Vestiti di un mantello realizzato con la tecnica tradizionale dell’infiorata di Scicli (città dai quali essi provengono) adornato di fiori coltivati nella terra dei fuochi, gli artisti sono entrati nella Reggia attraverso il porticato a cannocchiale e poi sono saliti al piano nobile attraverso il maestoso scalone centrale della residenza. Qui, tra le colonne del vestibolo, si sono chinati lasciando simbolicamente in dote al luogo il mantello costituito da ciò che di buono quella terra produce.
La performance suggerisce, in forma simbolica, le potenzialità mimetiche e metamorfiche insite nell’elemento floreale. La bellezza semplice ed umile delle gerbere e dei crisantemi coltivati nella terra dei fuochi alimenta infatti la possibilità di una reazione al decadimento morale ed ambientale di un territorio. Essa incarna la possibilità del ribaltamento della condizione presente, la ribellione ad una circostanza in cui pareva prima impossibile anche solo immaginare una via d’uscita.
Nel progetto La terra dei fiori il fiore è un dispositivo politico che l’arte può impiegare come esempio di riscatto, di ribaltamento dello status quo, di una via percorribile che l’arte deve stimolare ad immaginare. Testimoniando anche come dall’estremo abbandono sia possibile far germinare onestà e dignità.

Il duo Vinci/Galesi nasce dal sodalizio fra Sasha Vinci e Maria Grazia Galesi. Centrale nella loro pratica artistica è l’impiego del fiore, che viene utilizzato come entità effimera destinata ad un veloce disfacimento. L’elemento floreale è nel loro lavoro fattore riparatorio, simbolo di rinascita che si fa carico delle mancanze dell’uomo e porta omaggio là dove c’è abbandono e negligenza morale. Al lavoro artistico il duo Vinci/Galesi affianca quello di organizzatori culturali con particolare attenzione alla riattivazione di spazi urbani dimenticati.

Sasha Vinci – Maria Grazia Galesi
La terra dei fiori
a cura di Daniele Capra
vernissage 8 febbraio ore 18.30
8 febbraio – 30 marzo 2018
mer-ven, 12.30-19.30
o su appuntamento

aA29 Project Room
Piazza Caiazzo 3
20124 Milano
www.aa29.it
[email protected]
+39.329.8589624

Gabriela Galati
[email protected]
+39.340.9691313
Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano