GTranslate

 

Italo Mazzei, lo spettacolo del cielo

http://www.okarte.it
ChiusItalo Mazzei, lo spettacolo del cieloura 10/12/2016
di Francesca Bellola
Gli astri, le comete e le supernove popolano l’infinito paesaggio sopra di noi. La mostra “Cosmogonie” di Italo Mazzei, in corso all'Associazione Culturale Renzo Cortina di Milano, ci accompagna in un viaggio trascendentale che indaga sulla vera essenza dell'essere.
Via Mac Mahon 14 interno 7, Milano mappa
Inaugurazione 29/11/2016
Gli astri, le comete e le supernove popolano l’infinito paesaggio sopra di noi. La mostra “Cosmogonie” di Italo Mazzei, in corso all'Associazione Culturale Renzo Cortina di Milano, ci accompagna in un viaggio trascendentale che indaga sulla vera essenza dell'essere. L'esposizione, a cura di Stefano Cortina, è accompagnata da un catalogo (Cortina Arte Edizioni) e sarà visitabile fino al 10 dicembre.

“Lo spettacolo del cielo mi sconvolge. Mi sconvolge vedere in un cielo immenso, la falce della luna o il sole. Nei miei quadri, del resto, vi sono minuscole forme in grandi spazi vuoti”. Così Joan Miró spiegava la meraviglia e il mistero dell'infinito che lo condussero a dipingere un ciclo di opere dedicate alle Costellazioni e che, combinate tra loro come delle note musicali, possono paragonarsi alle Variazioni Goldberg, la celeberrima opera per clavicembalo di Bach scritta in onore del virtuosimo del compositore che ne porta il nome. E proprio alle Costellazioni è dedicata la mostra di Italo Mazzei, artista visionario e fuori dagli stereotipi, alla Galleria Cortina.

L'astronomia ha origini antichissime. Basti pensare che molti simboli, attribuiti alle costellazioni zodiacali, sono di origine sumera. Le prime figure che, per le loro sembianze venivano attribuite a Toro, Scorpione, Leone e Acquario, indicavano i quadranti del cielo che corrispondevano agli equinozi e ai solstizi localizzati in quel periodo storico (IV-III millennio a.C.). Non ci addentriamo nell'evoluzione di questo campo talmente vasto e affascinante ma ricordiamo che, fino a pochi anni fa e talvolta ancora oggi, i contadini hanno seguito il ciclo lunare per le coltivazioni nelle campagne.

L'ultima produzione di Italo Mazzei è rappresentata da una profonda ricerca personale sugli universi paralleli e sull'infinito, raffigurata in modo elegante e minimalista eliminando l'effimero fino a raggiungere l'esaltazione dell'astrazione pura. Le forme geometriche sono le vere protagoniste delle sue creazioni che raffigurano la vastità e la metamorfosi del cielo dove nulla è casuale ma esiste grazie ad una serie di equazioni matematiche preordinate. Nascono quindi opere di notevole intensità come “Andromeda”, “Cassiopea”, “Orione” e “Orsa Maggiore” dipinte ad olio su tela e rappresentate nella loro effettiva posizione astronomica. Le figure, delineate da fili di rame tesi, non inducono a pensare ad una chiusura mentale o materiale ma portano ad una visione immaginifica della libertà.

La serie dei segni zodiacali è altrettanto pregevole per lo studio approfondito dell'astrologia interpretato con un uso sapiente della materia ed un effetto cromatico di grande intensità. Da ogni opera scaturisce forte l'immaginazione e la curiosità dell'autore nel contemplare l'armonia e la maestosità del mistero che circonda la creazione dell'uomo e la genesi universale.
(dal catalogo con testi di Stefano Cortina, Susanne Capolongo, Francesca Bellola e Max Marra)
Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano