GTranslate

 

Roma, Agostina Lisi | 30 di 100

Lisi-copertina_evento_-_Copia.jpg
 
Agostina Lisi | 30 di 100
 
 
24.01.2019 - 14.02.2019
FAX fACTORY ART&CAFFEE
via Antonio Raimondi n.87, Roma
 
Le opere in mostra sono parte di un progetto composto da 100 acquerelli formato 12x12 cm, che presentano un rigoroso taglio fotografico volto a catturare l’attimo. La serie di piccole opere, dal titolo Dettagli irrilevanti vuole essere una provocazione: i diversi particolari del viso sono il manifesto delle nostre emozioni, espressioni e stati d’animo; ciononostante, la routine della vita e l’uso smodato della tecnologia allontanano lo spettatore dal senso di umanità, relegando la diversità e l’unicità dei tratti umani a dettagli insignificanti.
mashaLa particolare attenzione dedicata ai tratti del volto, resi minuziosamente e con forte connotazione sentimentale, nasce dall’esigenza di instaurare con il soggetto un legame volto ad indagarne gli stati l’animo, secondo una sensibilità tutta femminile.
Agostina Lisi, fin da piccola, ha la naturale tendenza a rappresentare le sue emozioni attraverso immagini e colori. Intraprende gli studi artistici presso l’Istituto d’arte di Monopoli e successivamente consegue il Diploma in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze. Sempre più appassionata di arte e patrimonio culturale, conclude i suoi studi in Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Contemporaneo presso l’Accademia di Belle Arti di Roma.
Agostina muove i suoi passi tra le tendenze più nuove del figurativo attraverso la pittura, la fotografia, il collage e la scultura, arrivando anche a fondere le diverse tecniche. L’artista, prediligendo la pittura ad acquerello, descrive i tratti umani e della realtà che si rivelano nella loro essenza più intima; intreccia memoria, sogno, visione e percezione manifestando l’esigenza di esprimere l’estemporaneità delle certezze.
 

TESTO A CURA DI CECILIA CICCI
Dettagli Irrilevanti è una serie di cento ‘opere sentimentali’ realizzate ad acquarello su carta. Con un taglio nettamente fotografico, l’artista indaga stati d’animo dati da espressioni dei volti, in particolare, ‘smorfie’ di occhi e bocca raccontano le nostre emozioni.
“Ricordo di aver sempre disegnato con interesse, i volti delle persone che conosco”.
Agostina Lisi, che da sempre si sente una ritrattista, circoscrive questi elementi nella forma cosmica del cerchio. Osservare il soggetto negli occhi per sentirne le emozioni, chiave principale della sua arte. Non una scomposizione dei volti, ma una celebrazione del dettaglio che, nel buio dell’angoscia esistenziale contemporanea data dal caos, non lascia spazio all’attenzione della semplicità di un singolo occhio o di una bocca e quindi di noi stessi.
Le trenta opere in mostra, raccontano e raffigurano con un tratto delicato e intimo, sfumature interiori di ogni singolo soggetto, portando l’osservatore ad immedesimarsi in esso, condividendone sentimenti comuni a tutti.

“Personalmente quando eseguo un ritratto ho la sensazione di danzare; la musica infatti, è un elemento fondamentale”.


Cecilia Cicci
https://www.facebook.com/cc.artcurator/


LINK ARTISTA:


LINK EVENTO:
 
https://www.facebook.com/events/2031125480313544/



FAX fACTORY ART&CAFFEE
via Antonio Raimondi n.87, Roma (Pigneto)
 
orari : dal lunedì al giovedì 7:00-18:00;
venerdì e sabato 7:00-2:00;
domenica 7:00-13:00
Ingresso libero


Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano