GTranslate

 

'900 Classico". La mostra in tre sedi espositive a Roma. Novecento Italiano tra modernità e nuovo classicismo.

Inaugurerà domani (23 ottobre) "'900 Classico". La mostra in tre sedi espositive a Roma, presenta la straordinaria stagione creativa del Novecento Italiano tra modernità e nuovo classicismo.

Novecento italiano, due lunghe stagioni di neoclassicismo

Novecento, forse il secolo più cruento con le sue due guerre mondiali ma anche di maggior fermento creativo per gli artisti del tempo che si sentono i veri interpreti dello spirito moderno. Il vento del nuovo classicismo che soffierà alla metà del secondo decennio del XX secolo in tutta Europa aveva in realtà già da tempo investito l'Italia post-unitaria dove la Capitale simbolica e amministrativa della Nuova Italia, doveva fare i conti con i quasi milleottocento anni di gloriosa civiltà figurativa cattolica.

 

La mostra ‘900 Classico, che inaugurerà domani (23 ottobre) a Roma in ben tre sedi -nella Galleria del Laocoonte di Via Monterone 13-13A, nella Galleria W. Apolloni di Via Margutta 53B ed infine nel nuovo spazio espositivo contemporaneo che le unisce di Via Margutta 81- si propone di raccontare "una storia" in particolare del Novecento artistico italiano. L'esposizione curata da  Marco Fabio Apolloni e Monica Cardarelli infatti, si focalizza sull'influenza esercitata sugli artisti italiani dalle due lunghe stagioni di neoclassicismo, quella dell'Italia dei Notabili e quella che va dalla presa di potere del Fascismo alla sua caduta.

Il mito di Roma e la legittimazione dalla storia

Una storia irrequieta e affascinante di corsi e ricorsi dove la propensione alla modernità non poteva non fare i conti con un culto della patria ancora in fase embrionale. Non potevano di certo essere il gotico o il barocco lo stile distintivo del passato da glorificare.

La Roma antica e imperiale era il repertorio perfetto cui attingere. Il riferimento all'antichità classica con l'armonia delle forme e della composizione, rappresentava perfettamente la continuità della storia e successivamente con il fascismo, il "destino imperiale"  di una civiltà che aveva dominato tutto il mondo.

Strettamente collegate a questa ricerca di una legittimazione dalla storia, sono poi le imponenti campagne di scavi  archeologici, gli smantellamenti dei vecchi quartieri medievali per far spazio ai bianchi marmi e simboli della Roma antica.

I grandi protagonisti del Novecento classico in mostra

Come tutto questo influenzò lo sviluppo dell’arte italiana del Novecento è proprio  quello che si propone di evidenziare la mostra attraverso un vasto repertorio di opere -disegni e cartoni preparatori di grandi capolavori, rare tirature d'autore, dipinti, bronzi e sculture in marmo- che documentano un fermento artistico variopinto e altalenante tra folgorazione per la modernità e ritorno alle origini.

Tra paesaggi illusionistici, divinità pagane, aquile e leoni, nell'allestimento delle tre sedi espositive sono rappresentati con le loro opere alcuni dei maggiori protagonisti di quella straordinaria stagione creativa: Giulio Bargellimi, Libero Andreotti, Vittorio Grassi, Duilio Cambellotti, Mario Sironi, Gino Severini, Giovanni Guerrini, Achille Capizzano, Giorgio QuaroniAlberto Ziveri, Corrado Cagli, Mirko Basaldella, Di Publio Morbiducci, Mario Ceconi di Montececon, Antonietta Raphael, Quirino Ruggeri, Marcello Mascherini, Alberto Savinio e sua moglie Maria Savinio, Eugene Berman, Andrea Spadini -a cui la Galleria del Laocoonte, per cura di Monica Cardarelli ha già dedicato una vasta mostra antologica che sarà prossimamente presentata in Inghilterra- e Fabrizio Clerici che sarà protagonista per la Galleria del Laocoonnte di una futura mostra retrospettiva e antologica.

'900 Classico 

23 ottobre 2020 - 15 gennaio 2021

Galleria del Laocoonte, via Monterone 13 –  Roma

Galleria W. Apolloni, via Margutta 53B –  Roma

Galleria del Laocoonte e W. Apolloni, Nuovo Spazio Antico/Contemporaneo, via Margutta 81 –  Roma

lunedì: 16.00-19.00 | martedì-venerdì: 10.00-13.00 e 16.00-19.00 | sabato: 10.00-13.00

www.laocoontegalleria.it

Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano