GTranslate

 

In mostra “L'Alta Moda” alla Villa Reale di Monza recentemente restaurata

di Clara Bartolini

villa reale monzaNon si può nascondere il piacere di vedere quanto sia stato importante il restauro di Villa Reale a Monza. Da quando ciò è avvenuto, la città e l’hinterland, con questo comprendendo Milano, hanno potuto riappropriarsi di un luogo tanto bello. Costruita per l’imperatrice Maria Teresa d’Austria su disegno dell’architetto Giuseppe Piermarini, è ora dedicata felicemente a grandi mostre dopo anni che l’hanno vista inutilizzata. Ora in corso e fino al 10 gennaio, la grande mostra sulla moda italiana dal titolo “Bellissima, l’Italia dell’alta moda 1945 - 1968”. Presentata l’anno scorso al MAXXI di Roma, arriva rinnovata con una sezione dedicata ai tessuti grazie a un’idea dei curatori Maria Luisa Frisa, Anna Mattirolo, Stefano Tonchi.

 

Allestita da Migliore+Servetto Architects al Secondo Piano Nobile, sono esposti i più importanti abiti realizzati dalla moda italiana dell’epoca, pezzi che hanno fatto la storia, presentati al fianco dei capolavori di artisti che li hanno ispirati, poiché la moda ha mantenuto sempre stretti rapporti con l’arte. Si confrontano così abiti di Balestra, Valentino, Curiel, Fevila realendi, Fabiani, Sorelle Fontana e molti altri con le opere di Accardi, Campigli, Capogrossi, Fontana, Alviani e via dicendo. Si resta davvero sbalorditi per tanta magnificenza e abilità creativa e artigianale. A completare ciò, gli accessori di Gucci, Ferragamo, Roberta di Camerino, Fragiacomo per citarne alcuni. Una sezione espone una serie di gioielli di Bulgari, pezzi unici di un maestro della gioielleria italiana e sponsor principale dell’evento. Tra questi, uno spettacolare sautoir fine anni 60 con uno smeraldo intagliato di circa 300 carati e una collana anni 50 in platino e stupendi rubini.

Nella galleria alla quale si connettono tutte le sale, viene presentata una straordinaria selezione di tessuti, poiché il legame strettissimo che lega la moda all’industria tessile italiana non poteva essere ignorato. Fra gli archivi aziendali coinvolti quelli di Agnona, Faliero Sarti, Ratti, Marzotto, Pria, Clerici, Bedetti Predaglio e molti altri. Sono presenti immagine fotografiche d’epoca realizzate da Federico Garolla, Ugo Mulas, Istituto Luce, RAI Teche. Riviste e documenti dall’Archivio Giorgini. Nel Belvedere ristrutturato modernamente, è presentata a cura della Triennale di Milano, una selezione di oggetti di design italiano. La magnifica Villa, i suoi splendidi soffitti e pavimenti, gli antichi specchi, le preziose sale e la mostra promossa dal Consorzio Villa Reale e Parco di Monza e da Nuova Villa Reale di Monza, in collaborazione con il MAXXI e la Camera Nazionale della Moda esprimono in modo esemplare le capacità creative e artistiche italiane. Da vedere.

Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano