GTranslate

 

DigitalArt Factory

artisti costruttori di pace
Chiusura 23/09/2018
Il progetto a cura di Eva Czerkl, intende non tanto focalizzarsi sulle evoluzioni più avveniristiche quanto offrire una panoramica di tutte quelle realtà nelle quali le rispettive espressioni artistiche, a partire dalle più tradizionali, hanno trovato nuovi impulsi e realizzazioni attraverso l’utilizzo parziale o totale delle moderne tecnologie computerizzate.
Piazza Sant'Egidio 10 Roma  mappa
Inaugurazione 13/09/2018
Giovedì 13 settembre alle ore 18,00 , s’inaugura a Roma, a Palazzo Velli, una Rassegna internazionale di arte contemporanea incentrata sull’arte digitale e la sua evoluzione nelle diverse forme espressive (fotografia, pittura e collage digitali, arte 3D, installazione, video). Saranno in esposizione i lavori di 32 artisti provenienti da ogni parte d’Europa, e non solo.

Il progetto a cura di Eva Czerkl, intende non tanto focalizzarsi sulle evoluzioni più avveniristiche quanto offrire una panoramica di tutte quelle realtà nelle quali le rispettive espressioni artistiche, a partire dalle più tradizionali, hanno trovato nuovi impulsi e realizzazioni attraverso l’utilizzo parziale o totale delle moderne tecnologie computerizzate.

La grande rivoluzione del digitale, iniziata già da parecchio tempo e che procede a grandi passi con l’evolversi degli strumenti via via più sofisticati, sta rovesciando l’idea stessa del fare arte. Pensare a un’arte senza materia e senza quel “lavoro con le mani” che ha sempre contraddistinto l’artista è difficile. Ma anche se si chiamerà in un altro modo invece che arte, e su questo i pareri sono immancabilmente controversi, non c’è dubbio che la rivoluzione digitale sta modificando la creazione delle immagini e la loro diffusione. Proprio come la fotografia, che non ha mai sostituito la pittura ma si è invece affermata come mezzo espressivo autonomo, l’arte digitale sta diventando una forma artistica indipendente.

Da segnalare, tra gli altri, l’importante presenza di Alessandro Bavari, fotografo, pittore, video-maker, pioniere dell’arte digitale, considerato come uno dei grandi rappresentanti del surrealismo in Italia. Saranno in mostra due suoi lavori e dei video, tra cui “Metachaos”, che ha vinto più premi in diversi festival. Nel 2016, dietro esplicita richiesta di Ridley Scott Bavari è stato assunto come concept artist e art director dalla 20th Century Fox per Alien: Covenant e ha disegnato e supervisionato alcune sequenze del film.

Artisti partecipanti:
Nykolai Aleksander - Alessandro Bavari - Billa Bozem – William Davide Brio – Charlie Davoli – Angelo de Francisco – Maurizio di Carlo – Estine Estenfelder – Eleni Gratsou – Mihai Grosu – Karl Hammer – Jorge Johnson – John Kok – Mann – Jean-Luc Martino – Nálön – Marlies Odehnal – Dimitra Papadimitriou – Leonid Ponomarenko – Massimiliano Ranuio – Hans Reefman – Elena Rivautella – Elena Romenkova – Jaya Suberg – Alan Spazzali – Siv Storøy – Charles van Lith - Alessandra Vinotto – Alessandro Wesch – Syporca Whandal – Sinaida wolf – Zycrei.

INFO
Palazzo Velli Expo - P.zza di Sant’Egidio, 10 - Roma, Trastevere
[email protected] - +39.349.0977387
La mostra rimarrà visitabile fino al 23 settembre, in orario:
11,00-13,00/15,00-19,00
Catalogo in sede
Ingresso libero
 
DigitalArt  Factory Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano