GTranslate

 

PROSEGUONO I LAVORI PER LA QUARTA SEDE DELLE GALLERIE D’ITALIA DI INTESA SANPAOLO: A TORINO 9000 MQ DEDICATI ALLA FOTOGRAFIA

Sarà pronta nell'aprile del 2022 la quarta sede delle Gallerie d'Italia di Intesa Sanpaolo, dopo quelle di Milano, Napoli e Vicenza: sarà a Torino, in piazza San Carlo e ospiterà su una superficie di 9.000 metri quadrati, quasi tutti ipogei, un grande centro della fotografia e della video arte. “L' idea di dedicare questo museo alla fotografia -  ha dichiarato Michele Coppola, Executive Director Arte Cultura e Beni Storici Intesa Sanpaolo - è stata un'indicazione del Presidente emerito Bazoli, secondo cui ogni Galleria deve avere un proprio indirizzo ". Il tema della fotografia sarà un modo per raccontare le tematiche più attuali: dall'ambiente al sociale, ai temi dell'inclusione, attraverso un simbolico ponte tra il mondo dell'arte ed il sociale grazie alle foto.

 

"Sarà un museo molto fluido, dinamico, senza un percorso obbligato, in cui si guarderà alla fotografia in modo innovativo. Sarà un luogo di cultura che celebra e diffonde i contenuti, aperto all'attività delle scuole", ha aggiunto Coppola.
Nei sotterranei ci sarà ad esempio una galleria fotografica lunga 70 metri e alta 4, spazi molto ampi con l’ex caveau che diventerà una sala multimediale. Ci saranno le collezioni di proprietà della Banca, come l'archivio fotografico di Publifoto, e anche il cosiddetto 'pensatoio' - dove i manager mettevano a punto le risposte da dare agli azionisti durante le assemblee della banca - diventerà una galleria fotografica. Troveranno spazio al secondo piano la collezione di opere d'arte della Banca e le tele dell'Oratorio San Paolo ospitate finora dalla Compagnia di San Paolo.
Il progetto prevede un grande spazio di attraversamento, che collegherà piazza San Carlo con via XX settembre e via Santa Teresa e su cui si affacceranno le Gallerie. Ci saranno la filiale, la caffetteria San Carlo che sarà ristrutturata, con a fianco un ristorante, e che avrà un nuovo gestore. Su via Santa Teresa spazio al Museum Shop con una grande vetrata.

Pin It

Viaggio nell'Arte

Notizie OK ARTE

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano