GTranslate

 

Photonic truth

http://www.okarte.it
Inaugurazione Mostra sugli ologrammi degli artisti Dora Tess e August Muth presso Amy-d Arte Spazio di Milano.   - Chiusura 19/06/2016
Via Lovanio 6, Milano mappaPhotonic truth
09/06/2016
mappa Mostra sugli ologrammi degli artisti Dora Tess e August Muth presso Amy-d Arte Spazio di Milano. 19/06/2016 Via Lovanio 6, Milano
AMY D Arte Spazio Milano
Presenta: Photonic truth
Holographic Light Art
Preview 09 giugno h. 18.30
dal 09/09 al 19/09/2016
a cura di Anna d’Ambrosio

“Photonic truth” è un progetto work in progress come duo artistico Dora August / Dora Tass (IT) e August Muth (USA), che si servono del medium olografico come Arte della Luce. Tutte le opere sono realizzate nel lab. “The Light Foundry” di August Muth, a Santa Fe, New Mexico, USA.
La loro collaborazione è iniziata nel 2012 in occasione dell’Internationl Symposium Display Holography, tenutosi al MIT. Lab, dove si sono conosciuti.

La materia dell’olografia è il “fotone” così come per il pittore la tavolozza dei colori o per lo scultore la pietra. La tecnica olografica è un medium ottico di registrazione della luce in 3D.
La luce Laser impiegata genera il fenomeno dell’interferenza, un fenomeno che esiste già in natura, pensiamo all’arcobaleno o ai colori delle pietre opali. L’olografo ricrea artificialmente questo fenomeno servendosi di un fascio di luce coerente, il Laser, “catturando” il fotone sulla lastra olografica. In tal senso l’artista-olografo si muove come un alchimista della luce, che manipola questo fenomeno naturale servendosi di una tecnica tutta analogica ad altissima definizione rendendo la luce materia tangibile. Il fotone quindi è il medium, il principio generatore e l’essenza di queste opere che si collocano nell’ambito della Light Art, come sottolineato da Frank Popper relativamente a questo medium in “Art in Holography2”, UK 1996.

In questa preview vengono presentati 5 assemblage olografici della serie dei “Perturbing Objects”, unitamente a 2 lavori di August Muth dal titolo Cosmos e Zero, che individualmente segue una ricerca improntata al minimal di forme geometriche luminose. Sarà presente anche una videointervista girata nel laboratorio “The Light Foundry” a Santa Fe, realizzata dalla regista Angela Landini.

La typewriter è il primo soggetto dei “Perturbing Objects”, resuscitata a nuova vita viene sostanziata in pura materia luminosa nell’ologramma. Seguendo una ricerca sperimentale che si aggancia in parte alle considerazioni di A. Breton sulla “crisi dell’oggetto” come campo da esplorare, in parte alla psicologia della percezione come l’effetto “Ganzfeld”, spazio esplorato da James Turrell.
Il file rouge di “Perturbing Objects” è il cortocircuito percettivo e cognitivo generato dalle sovrapposizioni di forme luminose, immateriali e tangibili allo stesso tempo, reali e surreali, che interferiscono con il nostro usuale modo di percepire la realtà, ed aprono ad un libero modo di ripensare il sistema degli oggetti.

La tecnica olografica impiegata è totalmente analogica, le onde luminose contengono e veicolano una grandissima quantità di informazioni in più rispetto al sistema binario digitale. Inoltre, sulla lastra viene applicata una special emulsione olografica preparata a mano, simile alle prime emulsion utilizzate nella fotografia dei primi del '900, che ha la capacità di catturare la luce in modo estremamente tangibile e luminescente, con una parallasse di 180 gradi.
Se pensiamo che un’immagine ad alta risoluzione video è 180 dpi, gli ologrammi Denisyuk hanno qualcosa come 10,000,000,000 dpi per 3000 dpi di profondità.

Amy-d Arte Spazio
Via Lovanio 6, Milano - MM2 Moscova
www.amyd.it, [email protected], +39.02.654872

Press e Comunicazione
Vittorio Schieroni
[email protected], +39.339.2202749
Photonic truth
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph