Salvador Dalí, Jean Clemmer un incontro, un’operahttp://www.okarte.it
Chiusura 09/09/2018
La  Fondazione  Sozzani  presenta  “Salvador  Dalí,  Jean  Clemmer,  un  incontro,  un’opera”  in   collaborazione  con  l’archivio  Jean  Clemmer.  La  mostra  è  formata  da  due  sezioni:     quaranta  stampe  inedite  con  gli  ingrandimenti  di  rari  provini  a  contatto  e  le  fotografie  delle  scene   del  cortometraggio  perduto  “Le  Divin  Dalí”,  che  l’archivio  Jean  Clemmer,  diretto  da  Hélène   Clemmer  Heidsieck,  ha  raccolto  e  conservato  negli  anni.  
Corso Como, 10 Milano mappa
Inaugurazione 17/06/2018
L’incontro  tra  Salvador  Dalí  (Figueres,1904  -­  1989)  e  il  fotografo  svizzero  Jean  Clemmer   (Neuchâtel,  1926  -­  Parigi,  2001),  avviene  nel  1962  quando  iniziano  a  creare  insieme  alcune  serie   di  fotografie  di  “mises  en  scène”  e  “tableaux  vivants”.    

Queste  opere  nascono  nella  casa  dove  Dalí  viveva  con  Gala,  musa  e  moglie,  a  Port  Lligat,  un   villaggio  di  pescatori  sulla  Costa  Brava  spagnola.  Nell’agosto  del  1962,  su  suggerimento  di  Dalí,   Clemmer  porta  Ginesta,  una  ragazza  appena  conosciuta,  come  soggetto  di  un  primo  servizio   fotografico  che  segna  l’inizio  di  un’amicizia  e  di  una  lunga  collaborazione  professionale.  

In  questa  prima  serie,  Dalí  affronta  il  tema  della  “Levitazione”,  e  costruisce  una  scena  onirica  tra   mitologia,  scienza  e  magia.  Sospende  la  giovane  Ginesta  capovolta  e  versa  otto  chili  di  ceci  che   rimbalzando  sul  suo  corpo,  simulano  una  reazione  a  catena,  come  un’esplosione  nucleare.  Dalí,   travestito  da  Ermete  Trismegisto,  il  leggendario  autore  della  letteratura  esoterica  di  tarda  età   ellenistica, avvolge  Ginestra  in  un  vestito  confezionato  con  una  tela  recuperata  dai  paracaduti   dell’aeronautica  americana  e  le  chiede  di  contorcersi  in  una  sorta  di  danza.  

Nel  1968  il  Daily  Telegraph  invita  Dalì  a  dare  un’interpretazione  della  moda  spagnola.     Dalí  sceglie  Jean  Clemmer  come  fotografo  e  a  Cadaques  progetta  un  set  dove  inscena  un  grande   Cristo  rappresentato  con  il  relitto  di  un  barcone  incagliato  tra  ossa,  tronchi  e  pneumatici   abbandonati.       Nel  1970  Dalí,  da  sempre  affascinato  dall'idea  della  morte,  chiede  a  Clemmer  di  rappresentarlo   come  un’apparizione.  È  il  ciclo  delle  “Metamorphoses”,  le  metamorfosi  di  Jean  Clemmer. Dalle  mises  en  scène  con  dipinti  e  sagome  di  nudi  femminili  emergono  i  ritratti  di  Dalí,  in  una   continua  sovrapposizione  fisica  (i  negativi  su  una  stampa),  e  semantica  (l’artista  rinasce  dal  corpo   femminile). Jean  Clemmer  comprende  lo  straordinario  potenziale  filmico  delle  performance,  e  introduce   Salvador  Dalí  al  suo  amico  e  regista  indipendente  Claude  Joudioux.  

Nel  1964  Dalí  e  Joudioux   girano  presso  gli  Apec  Studios  di  Parigi  il  film  “Le  Divin  Dalí”,  un  cortometraggio,  mentre  Clemmer   viene  incaricato  di  scattare  le  foto  di  scena. La  scena  centrale  del  film  descritta  da  Dalí  come  “Il  cannibalismo  dell’angelico”  era  costruita  su   diversi  piani  di  vetro,  ciascuno  con  un  angelo,  per  simulare  l’idea  di  ascensione.  Gli  angeli  si   divoravano  a  vicenda,  rigurgitando  in  un  ciclo  continuo  di  rinnovamento.     Una  ragazza  indossava  una  testa  di  vitello,  simulando  il  Minotauro  mentre  rigettava:  "Il  vomito,  lo   sai”  sosteneva  Dalí,  “è  ciò  che  più  si  avvicina  all'amore".  Il  cannibalismo  invece  rappresentava  per   l’artista  un’allegoria  all’alchimia,  poiché  implicava  una  trasmutazione  e  una  rinascita.  
 
Salvador Dalí, Jean Clemmer un incontro, un’operaPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto