artisti costruttori di pace
Chiusura 03/11/2018
Prima mostra personale del pittore americano Stephen Rosenthal alla galleria P420.
Via Azzo Gardino 9, Bologna mappa
Inaugurazione 29/09/2018
P420 è felice di annunciare la prima mostra personale in galleria del pittore americano Stephen Rosenthal (Washington D.C., 1935) e l'inizio della collaborazione con l'artista.
La mostra, articolata su entrambe le sale della galleria, presenta gli ultimi due cicli pittorici dell'artista, sviluppati nell'ultima quindicina d'anni. Attivo già dalla fine degli anni '60, dopo quasi un cinquantennio di ricerca sul fare pittura, con gli ultimi lavori Rosenthal raggiunge risultati di riduzione e astrazione unici e non convenzionali.
Nella prima sala è presentato un ciclo di opere formato apparentemente da monocromi bianchi. Si tratta in realtà di pitture discrete ed elaborate, prevalentemente chiare, di un biancore quasi trasognato. Bagliori dai quali emergono piccoli segni, eventi, suggestioni, ricordi di qualcosa che si perde nella luce del tempo.
Nella seconda sala sono esposti i lavori più recenti di Rosenthal, realizzati negli ultimi dieci anni. Non è quello che il pittore mette nel dipinto a produrre il risultato. Quello che infatti Rosenthal dipinge su tela fa più parte della preparazione che della realizzazione dell'opera. L'atto del dipingere è solo la prima fase.
Barnett Newman diceva "Un artista dipinge per avere qualcosa da guardare". Il mondo è già pieno di immagini, non ci sarebbe bisogno di aggiungerne altre, ma l'immagine che l'artista vuole vedere non è tra quelle che si presentano alla vista. Per usare le parole di Barry Schwabsky, per cominciare a fare spazio al dipinto che vuole vedere, Stephen Rosenthal deve cancellare ciò che ha già visto.
Utilizzando stracci e solventi, con un fare lento, meditativo, creativo, Rosenthal rimuove la sua stessa pittura e cancella ogni riconoscibilità al dipinto. Con un procedimento che può durare mesi, l'artista realizza quello che Samuel Beckett chiamava Lessness. Si tratta di uno strano stato in cui l'assenza o l'intangibilità sembrano in qualche modo diventare qualità percepibili in senso positivo.
Rosenthal cancella ma non elimina tutto. La mano dell'artista lascia sopravvivere cenni di colore, ricordi di segni, grumi di pittura, lisciati e arrotondati da un solvente che non è riuscito a eliminarne ogni traccia. Macchie, sbavature, elementi che tendono a essere il più possibile sfuggenti e allo stesso tempo tangibili nel senso più letterale del termine. Eventi. Sbiaditi ricordi.
Ciò che vediamo nelle pitture di Rosenthal, in perfetto equilibrio tra volontà e casualità, non è ciò che egli ha dipinto, ma quello che è rimasto, che è sopravvissuto ad un lungo processo di erosione.
"Sono costellazioni" dice lo stesso Rosenthal, "ma non necessariamente stelle".

Stephen Rosenthal, già attivo a New York dalla seconda metà degli anni '60, ha esplorato fin dall'inizio un'indagine di riduzione della pittura attraverso una ricerca del lavoro realizzato su tele sprovviste di telaio, fino agli ultimi Microcosmidel periodo recente. Ha avuto mostre personali sin dagli anni '70 alla John Weber Gallery, New York; Art & Project, Amsterdam; Daniel Templon, Parigi. Ha esposto allo Stedelijk Museum, Amsterdam; alla Kunsthalle, Basel; PS1, New York; La Jolla Museum of Contemporary Art, California; Städtisches Museum, Leverkusen; Musée d'Art Moderne de la Ville de Paris; Institute of Contemporary Art, Philadelphia per citarne alcuni. Sue opere sono nelle collezioni permanenti del MoMA, New York; Stedelijk Museum, Amsterdam; Museum of Contemporary Art, San Diego; Herbert Johnson Museum of Art, Ithaca; Albright-Knox Art Gallery, Buffalo; Aldrich Museum of Contemporary Art, Ridgefield e nella collezione Vogel, New York.

E' in corso di preparazione una monografia con testi inediti di Barry Schwabsky e Davide Ferri.

 
Islands, Archipelagoes, Constellations. Works on canvas and paper 2006-2018Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto