GTranslate

 

Palazzo Grassi racconta Palazzo Grassi

San Marco 3260 / Accanto a Palazzo Grassi - Venezia 15 e 16 novembre 2018 Palazzo Grassi racconta Palazzo Grassi: due giorni di incontri, dibattiti e approfondimenti alla scoperta di una storia affascinante, tra visionarietà, ricerca e sperimentazione. Palazzo Grassi e la storia delle sue mostre Tra moda e arte: i Marinotti e il Centro Internazionale delle Arti e del Costume. A cura di Stefano Collicelli Cagol La storia espositiva di Palazzo Grassi negli anni Cinquanta Interverranno: Luca Massimo Barbero, Giorgina Bertolino, Stefano Collicelli Cagol, Marco De Michelis, Anna Maria Falchero, Romy Golan, Luca Scarlini, Nico Stringa, Stefania Portinari, Orietta Lanzarini.

 

Ingresso libero fino a esaurimento posti. Dalla natura all’arte, Centro Internazionale delle Arti e del Costume,Venezia, Arti Grafiche Fantoni, 1960. Foto Venezia: Fotografia Ferruzzi Per la prima volta nella sua lunga storia, Palazzo Grassi racconta se stesso, riaccendendo i riflettori sulla propria storia, a partire dalla metà del secolo scorso, ricca di spunti, idee e occasioni di riflessione, attraverso un ciclo di conferenze pensato per approfondire la lunga e articolata storia espositiva di Palazzo Grassi. Giovedì 15 e venerdì 16 novembre presso il Teatrino di Palazzo Grassi, prende il via il primo capitolo della ricognizione in più episodi Palazzo Grassi e la storia delle sue mostre, con il primo racconto: Tra moda e arte: i Marinotti e il Centro Internazionale delle Arti e del Costume che prenderà in esame il periodo storico che va dagli anni Cinquanta agli inizi degli anni Sessanta.Le due giornate di studio sono a cura di Stefano Collicelli Cagol, curatore della prossima Quadriennale di Roma, che a questo tema ha dedicato il suo dottorato e anni di approfondite ricerche. Il convegno si pone l’obiettivo di approfondire i contesti culturali che interessavano Venezia e Milano, al tempo in cui andava affermandosi un’attività espositiva dedicata al contemporaneo; il rapporto fondamentale tra mondo dell’industria e produzione artistica e l’eredità culturale del periodo tra le due guerre nell’Italia repubblicana, con l’obiettivo di mettere in luce il ruolo cardine avuto da Palazzo Grassi nel tradurre il format espositivo di carattere commerciale e propagandistico in una proposta educativa di portata internazionale.

La prima edizione del convegno prenderà in esame il periodo storico che va dagli anni Cinquanta agli inizi degli anni Sessanta, riportando in luce il ruolo chiave avuto dalla famiglia Marinotti e dal Centro Internazionale delle Arti e del Costume nella vita espositiva italiana e internazionale. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, il conte Franco Marinotti, proprietario della SNIA Viscosa e fondatore della cittadina di Tor Viscosa, acquisisce Palazzo Grassi aprendo nel 1951 il Centro Internazionae delle Arti e del Costume. Il figlio Paolo Marinotti, segretario generale del centro, crea nel 1951 il Centro Internazionale delle Arti e del Costume che si occupa di organizzare una serie di esposizioni presso Palazzo Grassi, dedicate al costume e al tessile. Successivamente, dal 1959 al 1961, Paolo Marinotti dà vita al Ciclo della Vitalità, una serie di tre esposizioni internazionali di arte contemporanea: Vitalità nell’arte (1959), Dalla natura all’arte (1960) e Arte e contemplazione (1961), con il quale inizia una nuova stagione espositiva del centro dedicata alla presentazione di mostre di arte contemporanea. Con diversi interventi mirati a porre in rilievo i rapporti della famiglia Marinotti con artisti coevi di considerevole caratura come Asger Jorn, Lucio Fontana, Carlo Scarpa – autore dei display del Ciclo della Vitalità – e critici come Willem Sandberg e Michel Tapié, ma anche la fondamentale relazione tra arte e moda, il convegno coinvolge autorevoli ricercatori, scrittori e curatori come: Luca Massimo Barbero, Giorgina Bertolino, Stefano Collicelli Cagol, Marco De Michelis, Anna Maria Falchero, Romy Golan, Luca Scarlini, Nico Stringa, Stefania Portinari, Orietta Lanzarini. «Il convegno colma una lacuna incomprensibile nella storia della cultura italiana, indagando la visionarietà di Franco e Paolo Marinotti. Con il Centro, padre e figlio intuirono le potenzialità di Venezia e di Palazzo Grassi come sede di una produzione culturale interdisciplinare legata alle arti e al costume. Una serie di percorsi tematici, individuati partendo dalle mostre e dalle attività organizzate tra il 1951 e il 1961, riflettono sul contributo unico e anticipatore di tendenze successivamente affermatesi che la famiglia Marinotti ha dato alla cultura e alla storia espositiva italiana e internazionale.» ha spiegato il curatore Stefano Collicelli Cagol. L’ingresso è libero sino a esaurimento posti. Tutte le attività del Teatrino di Palazzo Grassi sono costantemente aggiornate sul sito www.palazzograssi.it Contatti Stampa PCM Studio Via Farini 70 20159 Milano Tel: +39 02 3676 9480 Paola C. Manfredi Cell: +39 335 545 5539 [email protected] www.paolamanfredi.com Per richieste immagini: [email protected] Programma Giovedì 15 novembre 15.00 | Saluti istituzionali e introduzione al progetto di ricerca. 15.30 - 17.30 1. Sintesi delle arti, Venezia e Milano: i contesti culturali alle origini di Palazzo Grassi. Marco De Michelis, Professore presso IUAV, Venezia Nico Stringa, Docente di Storia dell’Arte Contemporanea, Università Ca’ Foscari, Venezia Romy Golan, The Graduate Center, City University New York moderato da: Stefano Collicelli Cagol, curatore presso La Quadriennale di Roma. Venerdì 16 novembre 9.30 - 13.00 | Introduzione e prima sessione 1. Il Centro Internazionale delle Arti e del Costume di Palazzo Grassi: preistoria e primi anni di attività Stefano Collicelli Cagol, curatore Quadriennale di Roma Anna Maria Falchero, Ricercatrice presso l’Università di Perugia e Direttore dell’Archivio del Cinema Industriale e della Comunicazione d’Impresa. Stefania Portinari, Ricercatrice universitaria presso il Dipartimento di Studi Umanistici Università Ca’ Foscari, Venezia. Segue dibattito moderato da: Luca Massimo Barbero, Direttore Istituto di Storia dell’Arte, Fondazione Giorgio Cini e Curatore Associato, Peggy Guggenheim Collection, Venezia. 15.30 - 18.00 2. Ciclo della Vitalità (1959-1961), tre esposizioni di arte contemporanea a Palazzo Grassi. Luca Massimo Barbero, Direttore Istituto di Storia dell’Arte, Fondazione Giorgio Cini e Curatore Associato, Peggy Guggenheim Collection, Venezia. Giorgina Bertolino, Critica e Storica dell’arte indipendente. Orietta Lanzarini, ricercatore in Storia dell’Architettura presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli studi di Udine. Modera:Stefano Collicelli Cagol, curatore Quadriennale di Roma

Pin It

Le interviste del Direttore

Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettoRecentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella piazza antistante la...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più belle al mondo. Quali...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola
Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore, produttore,...

Leggi tutto...

Iscriviti al Concorso Cattedrali

Certamen internazionale letterario ed artistico sulle Grandi Cattedrali d'Occidente

CertamenData l'emergenza storica che stiamo vivendo la rivista Ok Arte su idea del direttore artistico Melinda Miceli organizza un concorso internazionale letterario ed artistico allo scopo
di conservare la memoria e rinverdire il fasto e l'antico splendore di queste Opere Divine, veri e propri libri di pietra.
Rivisitazioni letterarie dell'arte sacra, gotica, romanica, barocca delle grandi cattedrali delle città saranno vagliate da una selezionatissima giuria di esperti in grado di selezionare anche componimenti esoterici e ricercati.
La partecipazione è gratuita e si può scegliere di partecipare in concorso o fuori concorso


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto