GTranslate

 

Venezia, “IDOLI. Il Potere dell’immagine

Straordinario successo a Venezia della mostra  “IDOLI. Il Potere dell’immagine”
 

 Ultimi giorni di apertura della mostra (fino al 20 gennaio)

Visite guidate con Inti Ligabue e Conferenza del prof. Stefano De Martino,

sulle raffigurazioni di divinità nell'Anatolia antica. Interviene Annie Caubet.

Merita di venire dall’altro capo del mondo per vederla(Domenicale de Il Sole 24 Ore - 4 Novembre 2018)

In occasione della mostra 

“IDOLI. Il potere dell’immagine”

Sabato 19 gennaio ore 11.00

Venezia, Palazzo Franchetti  - Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti

 

CONFERENZA 

“IL POTERE DELLE IMMAGINI: RAFFIGURAZIONI DI DIVINITÀ NELL'ANATOLIA ANTICA”

a cura del prof. Stefano De Martino

Si avvia a conclusione la mostra “IDOLI. Il potere dell’immagine”, promossa dalla Fondazione Giancarlo Ligabue e allestita a Palazzo Loredan – Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti fino a domenica 20 gennaio.

Curata dalla Conservatrice Onoraria del Louvre, Annie Caubet - curatrice, oltre che della mostra, anche dell’importante catalogo edito da Skira - 

l’esposizione, che raccoglie un centinaio di opere provenienti dai quattro angoli del globo, rappresentative delle prime esperienze di raffigurazione umana tridimensionale, 
si è rivelata finora uno straordinario successo di pubblico, arrivando a superare le 
18.000 presenze nei primi tre mesi.


A coronare l’esposizione, in questi ultimi giorni di apertura, saranno due visite guidate gratuite – il 19 e il 20 gennaio - con Inti Ligabue, 

Presidente della Fondazione che ha ideato e concepito la mostra
a partire dagli studi condotti da Giancarlo Ligabue sul tema e da alcuni straordinari reperti della stessa Collezione Ligabue (sabato 19 alle ore 10.00 e domenica 20 alle ore 17.00, su prenotazione, con biglietto d’ingresso della mostra).


Sempre sabato 19 gennaio alle ore 11.00 invece, nel vicino Palazzo Franchetti, 
la Fondazione Giancarlo Ligabue ha promosso un’importante conferenza che terrà il professor Stefano De Martino su 
“Il Potere delle immagini: raffigurazioni di divinità nell’Anatolia antica”, 


alla quale interverrà anche la stessa Annie Caubet.

 

Professore Ordinario di Anatolistica presso il Dipartimento di Studi Storici dell’Università di Torino e autore di uno dei saggi in catalogo,

 il professor De Martino guiderà il pubblico alla scoperta degli Idoli provenienti da quella che Greci, Romani e Bizantini chiamavano Asia Minore, 

quell’estremità peninsulare della Turchia che fa da cerniera tra Occidente e Oriente.

Il racconto spazierà dunque dalle cosiddette statuette Killia, caratterizzate da un corpo reso schematicamente, alle figure di donne spesso nude e dai tratti naturalistici, 

in argilla o metallo, riportate alla luce ad Alacahöyük in sepolture databili al Bronzo antico, sprigionanti una vitalità tanto peculiare da distinguerle nettamente da quelle egee e mesopotamiche, che, per quanto contemporanee, presentano caratteri di maggiore astrazione; ancora, dagli Idoli in alabastro rinvenuti a Kültepe – figure con corpo di forma circolare e dalla sessualità ambigua, idoli gravidi, androgini e itifallici al tempo stesso - alle statuette che presentano chiari segni di rottura intenzionale, forse legata all’esecuzione di rituali magici o riti di passaggio quali l’adolescenza o il matrimonio,  a simboleggiare la rottura con la famiglia di origine e l’ingresso in una nuova fase della vita.

 

Una mostra, quella a Palazzo Loredan, caratterizzata dunque dal grande fascino esercitato dalle opere in esposizione – complice la cura posta nell’allestimento -

 in cui il percorso didattico diviene un vero e proprio viaggio attraverso la storia dell’arte figurativa, spunto ideale per rintracciare trame nascoste
e scoprire le storie e i miti che hanno ispirato la loro creazione.


 

A testimoniare l’altissimo livello dell’esposizione e le suggestioni esercitate dalla tematica sull’immaginario collettivo, vi è anche l’eccezionale copertura mediatica sulla stampa nazionale ed estera (dal mensile culturale spagnolo Descubrir El Arte” all’importante 

rivista culturale inglese “Minerva”, dal magazine francese
Madame Figaro” al bisettimanale statunitense “L’Italo Americano”).

 

Merita di venire dall’altro capo del mondo per vederla 
ha scritto senza giri di parole la giornalista del “Sole 24 Ore” sull’inserto culturale del Domenicale, ove si definisce “IDOLI” “una mostra da non perdere”. 

Opere tanto enigmatiche e intense nella loro semplicità, quelle esposte a Venezia, da suggerire - prendendo in prestito le parole dell’antropologa Patrizia Giancotti 

sul “Corriere della Sera”- “la pienezza soddisfatta di una sospesa immobilità meditativa”. 

Opere tanto antiche, eppure cosi moderne, con una “capacita’ di astrazione e sintesi figurativa capace di esprimere i concetti metafisici”  da far pensare all’inviato de 
“La Stampa” al grande Modigliani o a Brancusi.
Ampi servizi dunque, ma anche copertine dedicate all’esposizione - da “Archeo”
a “Alias” de “Il Manifesto” fino a “Luoghi dell’Infinito”mensile di “Avvenire”, che alla mostra e al tema degli idoli e dell’idolatria ha dedicato uno speciale di oltre 30 pagine.
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Chiusura 16/07/2020 di Stefano Pariani
Molti milanesi la ricordano ancora come la “gesetta di lusert”, la chiesetta delle lucertole, un edificio [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph