GTranslate

 

RENATA BOERO KROMO–KRONOS MUSEO DEL NOVECENTO
LUNEDÌ 1 APRILE 2019, ORE 18.00
a cura di Anna Daneri e Iolanda Ratti
2 aprile – 23 giugno 2019
Opening lunedì 1 aprile, ore 18
Museo del Novecento
Piazza Duomo 8, Milano

Il Museo del Novecento apre la Milano Art Week 2019 con Kromo-Kronos, mostra personale di Renata Boero, artista genovese con base a Milano attiva nella scena internazionale dagli anni ‘60. L’esposizione, a cura di Anna Daneri e Iolanda Ratti, propone una rilettura critica del lavoro dell’artista mettendo in relazione la sua produzione storica con quella più recente.
Kromo-Kronos si apre con una selezione pressoché inedita di Cromogrammi, opere su tela rea- lizzate sperimentando l’interazione di pigmenti naturali ed elementi organici, prodotti a cavallo degli anni ’60 e ’70. In questi lavori, che trovano nella monumentalità e nella processualità su grande scala la propria compiutezza, è possibile osservare la congiunzione tra due aspetti fon- damentali della ricerca di Renata Boero: la manualità e la materia.
 
“Kromo: la materia cromatica che diventa pittura. Kronos: i tempi dei fenomeni e delle trasforma- zioni, le relazioni tra i materiali, le loro attrazioni o repulsioni. Una sorta di rituale in cui il colore è anche odore, sensazione, è la ricerca di una totalità dove l’inesorabilità della materia naturale, abbandonata ogni mediazione linguistica, porta direttamente alla vita”. (Renata Boero)
Un contatto profondo, quello con la natura, che assume nella pratica dell’artista un valore non solo estetico, ma anche umano e politico.
Sono il tempo e la memoria a guidare l’interazione della materia e del colore una volta che la tela viene immersa nell’infuso ottenuto dall’ebollizione di erbe, radici e pigmenti. Ripiegata, come pagine di un libro, la materia assorbe il colore e lascia che si imprimano le linee, creando un disegno e un ritmo all’interno del racconto cromatico.
A partire dai Cromogrammi storici e pressoché inediti, la mostra segue lo sviluppo del lavoro di Renata Boero attraverso le serie delle Germinazioni, dei Fiori di Carta e delle più recenti Ctoniografie, cromogrammi auto-generatisi in assenza dell’artista, che ne innesca il processo di trasformazione interrandoli. I lavori più attuali presenti in mostra rendono conto della circolari- tà nell’operare dell’artista e di una sorprendente coerenza nella sua ricerca. L’esposizione è com- pletata da un ampio apparato documentale e bibliografico e invita il pubblico a entrare in uno spazio intimo e personale, quello dello studio, che viene evocato attraverso materiali d’archivio quali strumenti, fotografie, carteggi e libri.
 
Questa occasione espositiva conferma la volontà del Museo del Novecento di operare nell’am- bito della ricerca storico artistica, presentando accanto ai maestri del XX secolo figure di gran- de interesse, ma ancora poco conosciute al grande pubblico. In questa direzione, partendo da approfondite ricerche d’archivio, si è lavorato ad esempio con le mostre di Amalia Del Ponte, Franco Mazzucchelli e Agostino Ferrari. La mostra di Renata Boero e in contemporanea quella di Marinella Pirelli, che aprirà al pubblico il 21 marzo, restituiscono la complessità del secolo breve come culla delle sperimentazioni sui media, dalla pittura alle immagini in movimento.

 
Renata Boero (1936, Genova), dopo gli studi umanistici compiuti tra Torino e la Svizzera, ini- zia a esporre nel 1959 alla Quadriennale di Roma dove poi ritorna nel 1986 e nel 1999. Fin dalla fine degli anni Sessanta inizia la sua esplorazione sugli elementi naturali che poi traduce nelle sue note serie intitolate Cromogrammi e Germinazioni, ricerche tuttora aperte.
I lavori vengono presentati per la prima volta nel 1970 da Jacques Lepage a Toulose, poi alla Galleria Martano di Torino, all’ICC di Anversa, alla Biennale di San Paolo in Brasile, alla Bien- nale di Venezia nel 1982 (dove torna nel 1993, 2008 e nel 2009) e al Museo Nazionale di Storia della Bielorussia a Minsk. Nel 2012 tiene un ciclo di conferenze e mostre personali in Argenti- na, all’Università di Tucuman, Cordoba e al Museo Salta. Prosegue un’intensa attività esposi- tiva in spazi pubblici e privati, in Italia e all’estero, che aftanca all’impegno di insegnamento alla NABA e all’Accademia di Brera a Milano, a Bergamo con Mario Cresci. Vive e lavora tra Milano e Genova.
Pin It