GTranslate

 

Ipercorpo annuncia le date della XVII edizione

La prima parte del festival si svolgerà nell’autunno 2020 negli spazi all’aperto di EXATR, la seconda parte nella primavera 2021 anteprima  25-27 settembre 2020 Ipercorpo :: prima parte – 1-4 ottobre 2020 Ipercorpo :: seconda parte – maggio 2021

Forlì, 7 maggio 2020 – La XVII edizione di Ipercorpo :: tempo reale – Festival internazionale delle arti dal vivo sarà strutturata in due parti: la prima si terrà dal 25 al 27 settembre e dal 1 al 4 ottobre 2020 negli spazi all’aperto di EXATR, la seconda nella primavera 2021.

Claudio Angelini, presidente di Città di Ebla, esprime la volontà di non sottrarsi ai segni del tempo, ovvero le profonde trasformazioni emerse a causa della pandemia di Covid-19. Il festival, il cui tema di quest’anno è il tempo reale, vivrà il cambiamento come un’opportunità per produrre e veicolare nuovi format e significati.

 

“Il proposito di Città di Ebla è quello di dar vita alla prima parte di  Ipercorpo, XVII edizione, negli spazi all’aperto di EXATR a Forlì.

Il festival che avevamo immaginato non potrà avere luogo nell’estensione prevista e dunque si è deciso di dilatarlo, creando un ponte che dall’autunno 2020 ci porterà nella primavera 2021, nella quale auspichiamo di poter confermare tutte le presenze internazionali che realisticamente non potranno essere con noi in autunno. I consueti Simposi, nella loro abituale collocazione nei mesi di ottobre e novembre, si svolgeranno al Diagonal – interamente orientati a riflessioni sul “tempo reale” – e saranno pensati come una cerniera fra i due momenti di Ipercorpo.

Il nome che diamo alle cose ha genesi diverse e il tempo rafforza o indebolisce le parole scelte in origine. Dopo quindici anni e diciassette edizioni, Ipercorpo è un nome che si arricchisce di senso. I soggetti che lo crearono su impulso di Santansagre a Roma nel 2006 – gruppo nanou, Offouro / Alessandro Carboni, Cosmesi, Città di Ebla, più avanti Muta Imago e Pathosformel – volevano esprimere un’idea di massa biologica in trasformazione. Ipercorpo venne pensato come un sistema aperto in grado di accogliere nuove istanze e spostarsi nel tempo e nello spazio. Questa gemmazione è avvenuta attraverso lo sviluppo delle sue sezioni: teatro e danza, musica, arte contemporanea, Italian Performance Platform, Masterclass Internazionale Scena Europa e i workshop.

In questo momento tutto il gruppo di lavoro, formato da me, Mara Serina, Valentina Bravetti, Davide Fabbri, Elisa Gandini, Davide Ferri per la parte curatoriale ed Elisa Nicosanti, Neera Pieri, Sara Zolla, Alberto Marchesani per la parte organizzativa e promozionale sta lavorando per rimodellare la nuova proposta dovendo immaginare dei possibili futuri – non uno solo – che Luca Giovagnoli in qualità di capomastro tecnico dovrà rendere possibili, e Gianluca Camporesi immortalare attraverso il suo sguardo fotografico.

Un antico frammento gnostico dice: “chi non danza non sa cosa succede”. Per estensione possiamo dirlo anche per chi non suona, non dipinge, non scolpisce. Dunque può la lettura di questo tempo essere efficace in questo “adesso”? Io credo di no. Gli strumenti di comprensione, anche emotiva, di ciò che stiamo vivendo vanno cercati nel passato, oppure immaginati nel futuro. Non ora.

Il “qui e ora” risulta insufficiente e limitante se il segno attualmente assente è quello degli artisti dal vivo. Loro ci hanno guidato e ci guideranno nella comprensione e nell’esperienza del reale. Il loro attuale silenzio forzato lascia un vuoto enorme che potremo colmare solo quando il corpo sociale, assieme a loro, recupererà una sua coesione.

Così Ipercorpo potrà aver luogo solo grazie ad artisti e pubblico, solo attraverso di loro potrà tentare di rispondere ad alcune domande in stretta connessione con il suo nome, con la sua origine e con il suo tempo attuale. Questo è ciò che desideriamo ed è ciò per cui stiamo lavorando. Per “l'aver luogo” in questo tempo.”

                                                                                                                            Claudio Angelini

 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano