GTranslate

 

RINASCITA… o ritorno alle origini

artisti costruttori di pace
Chiusura 17/07/2020
La galleria Art Gap in partnership con l’organizzazione culturale ASREA, dal 4 al 17 luglio 2020, ha il piacere di presentare RINASCITA…o ritorno alle origini, personale di Merima Fetahovic, vincitrice della sezione scultura, del primo Concorso d’Arte ASREA, svoltosi nella Sala Nagasawa ex Cartiera Latina dall’11 al 20 Ottobre 2019. La mostra verrà inaugurata il 4 luglio 2020 alle ore 16:30.
Via di San Francesco a Ripa 105/a Roma mappa
Inaugurazione 04/07/2020
L’uomo e la donna, i protagonisti della mostra, sono sempre più distanti dalla natura, dalla terra e dai valori antichi. Il rapporto tra l’essere umano e la terra ha tanti volti. A volte è idilliaco con l’essere umano che si sente parte di un tutto che comprende e rispetta. Altre volte è conflittuale con l’uomo che si sente minacciato dalla natura, che sfrutta e danneggia. Questo dualismo di sentimenti porta l’essere umano ad amare la natura ma anche a non comprenderla mai fino in fondo. Merima vuole ricordarci l’importanza di una natura dimenticata seppur perennemente presente. L’intento dell’artista è far riscoprire la bellezza che ci circonda e il ruolo che la natura ricopre nelle nostre vite. Il recupero del contatto sinestetico con Madre Natura è importante perché rappresenta la migliore medicina per l’anima, il corpo e la mente dell’uomo contemporaneo. L’uomo, fin dalle origini, ha sempre vissuto a contatto con la natura perché ha una predisposizione genetica a provare amore e un senso di connessione con essa. In tutta questa riscoperta delle radici più profonde della vita umana, l’identità risulta essere non più individuale, ma una porzione del mondo naturale che caratterizza l’essere umano. Quindi, rinnovare la profonda connessione con la Natura in quanto entità benefica rappresenta la soluzione ultima all’intorpidimento della vita proposta dalla società contemporanea. Merima nelle sue opere racconta il suo amore verso questo mondo pieno di luce e oscurità che interpreta con la bellezza delle forme e una serie di simboli emblemi della vita e dalla rinascita, come: l’uovo che per la sua forma geometricamente perfetta è simbolo di nascita e quindi di rinnovamento; il nido sinonimo di amore, unione, calore, difesa, protezione, vero e unico microcosmo degli affetti domestici; il pesce simbolo di rinascita.
Merima Fetahovic nasce a Novi Sad (Serbia) nel 1979e attualmente vive e lavora a Roma. Dopo aver conseguito il diploma presso il Liceo Artistico "Bogdan Suput" si è laureata nel 2003 all'Accademia delle Belle Arti a Novi Sad (Serbia) sotto la guida artistica del professore Tomislav Todorovic, presso la cattedra di scultura; durante l'ultimo anno di Accademia viene premiata come miglior promessa artistica in scultura presso il suo Ateneo. Dopo aver finito l'Accademia ha cominciando a dedicarsi alla ricerca artistica con l'ausilio di vari materiali quali: marmo, vetro, legno ed infine ceramica con la quale svilupperà gran parte della sua produzione artistica senza mai tralasciare la fondamentale formazione in pittura. Ha esposto le sue opere sia in Italia che all'estero; Inoltre negli ultimi 15 anni sta perfezionando l’antica tecnica dell'arte giapponese “Raku” con la ricerca di vari materiali quali marmo, vetro, legno e ceramica. È un’artista molto versatile infatti spazia tra scultura, pittura e ceramica usando tutti i mezzi per esprimere la sua personalità e il suo mondo.
 
RINASCITA… o ritorno alle originiPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano