GTranslate

 

Il Mantegna “ritrovato” in mostra a Bergamo

mantegna
Chiusura 21/07/2019
di Stefano Pariani
Dopo il viaggio internazionale dei mesi scorsi a Londra e a Berlino, la “Resurrezione” di Mantegna torna a Bergamo, da dove tutto era partito. Qui, infatti, un anno fa il conservatore del museo bergamasco, Giovanni Valagussa, aveva puntato i riflettori su questa tavola, tradizionalmente nota come opera di bottega del Mantegna, attribuendone la paternità al maestro stesso.
P.za Giacomo Carrara, 82 Bergamo mappa
Inaugurazione 25/04/2019
mantegna “R” come ritorno, come riscoperta, come restauro. A tutto questo può alludere il sintetico titolo, “RE - M”, della mostra attualmente in corso all'Accademia Carrara di Bergamo su Andrea Mantegna, uno dei più grandi esponenti del nostro Rinascimento. Dopo il viaggio internazionale dei mesi scorsi a Londra e a Berlino, la “Resurrezione” di Mantegna torna a Bergamo, da dove tutto era partito. Qui, infatti, un anno fa il conservatore del museo bergamasco, Giovanni Valagussa, aveva puntato i riflettori su questa tavola, tradizionalmente nota come opera di bottega del Mantegna, attribuendone la paternità al maestro stesso.

Il dipinto giaceva da anni nei depositi della Carrara e, in fase di catalogazione delle opere tre e quattrocentesche del museo, Valagussa aveva notato come una croce presente nella parte bassa della tavola coincidesse perfettamente con l'apice di un'asta retta da Cristo nella “Discesa al Limbo”, realizzata da Mantegna e conservata a Princeton, New Jersey, in collezione privata. La tavola di Bergamo è quindi la parte superiore della “Discesa al Limbo” e questa scoperta ha dato avvio ad un restauro e alla presentazione internazionale della “Resurrezione”, prima alla National Gallery di Londra poi alla Gemaeldegalerie di Berlino, dove è stata ricongiunta con la sua “parte americana”.

mantegnaOra è possibile ammirarla lungo un percorso multimediale nei rinnovati spazi della “Barchessa”, parte dell'Accademia recentemente restituita al pubblico, che ricostruisce non solo le fasi dell'eccezionale attribuzione e del restauro, ma anche l'iter artistico del grande pittore padovano che a Mantova trovò la sua fortuna presso la corte dei Gonzaga. Dagli splendori del Rinascimento mantovano a quelli dei giorni nostri, la mostra mette al servizio dell'arte antica la più moderna tecnologia con 12 videoproiettori su quasi 300 mq. di superficie per creare un'esperienza immersiva di grande impatto visivo ed emotivo.

L'opera di Mantegna fu commissionata dai Gonzaga per il Castello di San Giorgio a Mantova attorno al 1492 e mostra nella parte inferiore una sorta di spelonca, l'ingresso del Limbo, con Cristo visto di spalle intento ad entrarvi. La parte sovrastante, senza soluzione di continuità, raffigura invece Cristo fuoriuscente dalla tomba fra lo stupore dei soldati: le due parti si congiungono perfettamente per le rocce della spelonca e per quel dettaglio fondamentale della croce che ha portato all'eccezionale attribuzione.

L'atmosfera è crepuscolare, i toni del colore caldi e il senso generale che restituisce nell'opera è quello dell'evento miracoloso e straordinario che avviene nel quotidiano, in una narrazione serena e quasi famigliare. Le figure dai corpi solidi e quei volti “duri” che paiono incisi nella pietra sono tratti tipicamente mantegneschi.

In passato tavole come la nostra potevano essere tagliate per le più diverse ragioni: “ereditarie, di conservazione, di mercato”, spiega Valagussa. Non bisogna dunque stupirsi della sorte toccata a quest'opera, come del resto a moltissimi polittici medievali e rinascimentali, un tempo smembrati ed ora conservati in musei distanti anche migliaia di chilometri tra di loro o dispersi nei vari giri dell'antiquariato e del collezionismo. Per ora le due parti dell'opera restano separate, ma c'è da scommettere che il nome della mostra, quella “Re”, possa alludere anche all'inglese “reunion”, lasciando dunque aperta la speranza di un definitivo ricongiungimento delle due tavole.




 
Il Mantegna “ritrovato” in mostra a BergamoPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano