GTranslate

 

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

adorazionedi Stefano Pariani
In periodi di festività come questo assume un particolare rilievo la sovrapporta raffigurante l'”Adorazione dei Magi” in via Orefici, in pieno centro storico, una zona dove già nel Duecento era testimoniata l'attività della corporazione dei fabbri orafi. Si tratta di un'opera dalla straordinaria vena narrativa e di preziosa cultura figurativa, realizzata attorno al 1460 probabilmente da Giovanni Gagini, membro di una prolifica famiglia di scultori d'origine lombarda.
Via Orefici - Genova mappa
Quando si cammina per le strade di una città, specie se affonda le sue radici in un lontano passato, lo sguardo dovrebbe essere sempre pronto a cogliere le bellezze che essa ci offre, anche quelle più nascoste. Sappiamo che in realtà non sempre è così, presi come siamo dalla routine quotidiana e dalla distrazione che spesso ci accompagna.

Chissà se anche un tempo chi passeggiava aveva, come oggi, motivi per non accorgersi di certe testimonianze artistiche, che ancora sopravvivono quasi miracolosamente in certi angoli delle nostre metropoli. Probabilmente no, perchè secoli addietro l'arte faceva molto più parte della vita di una città, era molto più “pubblica” e coinvolgeva la cittadinanza a livello più esteso rispetto ai nostri giorni. Pensiamo solo ai cicli di affreschi di chiese o di palazzi pubblici nel Medioevo e alle masse a cui si rivolgevano nel loro richiamo artistico, religioso e civile.

E allora proviamo per un attimo a tornare indietro di alcuni secoli e a fare un giro per i vicoli del centro di Genova, attorno alla Cattedrale di San Lorenzo: ci imbatteremmo in scultori ed operosi scalpellini che abbellivano palazzi nobiliari e più semplici case, architetti e pittori all'opera. Probabilmente non ci sfuggirebbero alcuni “dettagli” preziosissimi ed evidenti, come le lastre marmoree sopra le porte d'ingresso di alcune case, segno distintivo di famiglie più o meno potenti. A Genova se ne contano diverse e non sono semplici opere decorative, ma veri e propri capolavori, che rendono la città ligure un vero e proprio museo di scultura a cielo aperto.

In periodi di festività come questo assume un particolare rilievo la sovrapporta raffigurante l'”Adorazione dei Magi” in via Orefici, in pieno centro storico, una zona dove già nel Duecento era testimoniata l'attività della corporazione dei fabbri orafi. Si tratta di un'opera dalla straordinaria vena narrativa e di preziosa cultura figurativa, realizzata attorno al 1460 probabilmente da Giovanni Gagini, membro di una prolifica famiglia di scultori d'origine lombarda.

La composizione è densissima di figure disposte su più piani, tutte intente in un'azione, come il taglialegna, il suonatore di cornamusa e il pastore con le pecore sullo sfondo. Un elegante corteo di uomini a cavallo scende da digradanti colline rocciose per dirigersi verso la capanna dove sono già arrivati i Magi in adorazione del Bambino. L'opera si muove ancora lungo il solco del raffinato linguaggio tardo-gotico per l'atmosfera fiabesca, l'attenzione agli abiti cortesi alla moda del tempo, al mondo animale e vegetale minuziosamente descritto, qui rappresentato dai naturalistici cavalli con sontuose bardature, dalle pecore e anche da un coniglietto che sbuca tra gli alberi. Certamente all'artista non sarà sfuggita la lezione di maestri del Gotico Internazionale come Gentile da Fabriano e Pisanello nel realizzare questa sorta di presepe così denso di vita, con personaggi vivissimi nei movimenti, nella gestualità e nei sentimenti che i loro volti esprimono.

Occorre fermarsi un po' e osservare con calma, come verosimilmente avrebbe fatto un cittadino del passato, distogliendo per qualche istante la nostra attenzione dalle vetrine dei negozi, dallo smartphone, dalla fretta e dagli impegni che ci portiamo dietro. Forse, al di là di ogni retorica, ci aiuterebbe a vedere anche le cose in un'altra prospettiva. Se si vuole prolungare l'”incanto”, a due passi da via Orefici c'è la piccola piazza San Matteo, un angolo sopravvissuto di urbanistica medievale, dove si trova un'altra sovrapporta di Giovanni Gagini, un San Giorgio che uccide il drago e salva la principessa. Anche in questo caso l'aspetto fiabesco e l'impatto scenografico - un meraviglioso cavallo impennato di fronte ad un terribile drago - sono garantiti.

 
Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano