GTranslate

 

GIAN CARLO VENUTO: Chiaro attivo 1975-1979

Sabato 7 dicembre alle ore 18, verrà inaugurata allo Studio Tommaseo di Trieste (via del Monte 2/1) la retrospettiva dell’artista GIAN CARLO VENUTO intitolata Chiaro attivo 1975-1979. Opere pittoriche a margine di Villa Fulcis

Promossa da Trieste Contemporanea e progettata dall’artista per lo spazio triestino, la mostra presenta una selezione delle opere realizzate nella seconda metà dei Settanta da Gian Carlo Venuto e segnate dall’esperienza condotta a Villa Fulcis a fianco di Franco Basaglia.
Alcune, le prime, sono nate a diretto contatto con gli ‘ospiti’, come venivano chiamati i 56 degenti che nel 1975, da Trieste, furono condotti nel bellunese, nella villa settecentesca, per vivere un’esperienza dove l’arte fondava, attraverso la libera espressività, le questioni umane primarie.


“Si trattava di un progetto cui partecipavo in veste di studente dell’Accademia di Belle Arti di Venezia“ ricorda Venuto “e sinceramente è stata un’esperienza che mi ha profondamente modificato: mi ha portato ad azzerare la tavolozza, mi ha legato ai temi sociali e condotto a un impegno che negli anni a venire ha direttamente guidato il mio lavoro. Potrei dire sino al 1979”.
Chiaro attivo è il titolo che spiega la tensione verso il monocromo (chiaro), che diviene ‘attivo’ sia nel processo chimico innescato dal carbonato di calcio usato, sia nel percorso umano e sociale mosso dall’esperienza dell’artista a fianco degli ‘ospiti’ e di Franco Basaglia.
Alcune testimonianze che ripercorrono il lavoro svolto dai partecipanti ai laboratori di Villa Fulcis (disegni originali, documenti, fotografie e filmati) saranno parte integrante della mostra.
L’esposizione si potrà visitare fino al 15 gennaio 2020. 


Gian Carlo Venuto, nato a Codroipo nel 1951, ha insegnato presso le Accademie di Belle Arti di Venezia e di Torino e all’Accademia di Brera a Milano. 
1975-79. Partito da esperienze astratto-informali e successivamente legate alla pittura monocroma e alla nuova figurazione, il curriculum degli anni di cui la mostra rende conto, lo vede dedicato a esperienze di animazione culturale e di promozione del reinserimento sociale e impegnato intorno al 1975-78 in attività di ricerca alternativa nell'ambito dell'Accademia di Belle Arti di Venezia e nel 1975 alla guida dei laboratori artistici e di performance a Villa Fulcis (Belluno), dove l'Ospedale Psichiatrico di Trieste aveva una sede estiva. Nel 1975 partecipa alla X Quadriennale d'Arte di Roma "la nuova generazione" e vince la borsa di studio dell'opera Bevilacqua la Masa di Venezia (con mostra personale nella sede di San Marco l’anno successivo). Nel 1976 è Premio Lubiam e Premio Michetti e partecipa alla Biennale d'Arte delle Alpi di Arta Terme. Dal 1976 al 1979 produce happenings di controcultura con il gruppo culturale giovanile C.C.C.I. di Codroipo. Nel 1978 realizza una importante mostra personale alla Galleria Sagittaria di Pordenone ed infine nel 1979 la sua ricerca di autoanalisi e autoritrattazione produce la personale al C.I.A.C. di Udine, dall’emblematico titolo “Comunicazione”.

 

GIAN CARLO VENUTO
Chiaro attivo 1975-1979.
Opere pittoriche a margine di Villa Fulcis.

dal 7 dicembre al 15 gennaio 2020
inaugurazione sabato 7 dicembre ore 18

La mostra si potrà visitare con il consueto orario: mart.-sab. 17-20

INFO:
[email protected]
www.triestecontemporanea.it
+39 040 639187
sede: Trieste, Studio Tommaseo
ingresso libero

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Chiusura 16/07/2020 di Stefano Pariani
Molti milanesi la ricordano ancora come la “gesetta di lusert”, la chiesetta delle lucertole, un edificio [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Falegnameria di Gregorio