GTranslate

 

La Biennale di Venezia: appuntamento imperdibile

htLa Biennale di Venezia: appuntamento imperdibilehttp://www.okarte.it
Chiusura 26/11/2017
di Clara Bartolini
Pronti con la valigia? Preparate il costume da bagno perché un salto al Lido è sempre fattibile, anche se siete venuti per l'arte e, naturalmente, la città. Non aspettatevi che vi parli di tutto, naturalmente. Vi parlerò di quello che mi ha colpito maggiormente.
Sedi varie mappa
Inaugurazione 13/05/2017
Sedi varie mappa  26/11/2017
Pronti con la valigia? Preparate il costume da bagno perché un salto al Lido è sempre fattibile, anche se siete venuti per l'arte e, naturalmente, la città. Non aspettatevi che vi parli di tutto, naturalmente. Vi parlerò di quello che mi ha colpito maggiormente. Come sapete, in ogni angolo, ogni palazzo, ogni galleria o chiesa sconsacrata, a volte anche consacrata, di Venezia, potete ammirare arte dal mondo. Logico, passate alla Biennale che quest'anno si intitola: "Arte Viva", iniziate da Giardini, dove al padiglione centrale "degli Artisti e dei Libri", tema interessante, troverete molti stimoli. Tra i padiglioni delle Nazioni, vi suggerisco gli USA con Mark Bradford, tra i miei preferiti.

Se siete un musicista, passate per quello francese dove troverete una stanza di registrazione e potrete suonare. Conferenze di artisti sono la ragione del titolo, spiegano ogni giorno la loro visione, le loro opere, i loro percorsi, e che cosa è l'arte per ognuno di loro. Forse ci aiuterà a capire. All'Arsenale è un piacere girellare perché gli ambienti sono magnifici e il ristorante ottimo. I temi alle "Corderie" sono sei: Lo Spazio comune, La Terra, Le Tradizioni, Gli Sciamani, Il Dionisiaco, e quello dei Colori. Ho trovato Maria Lai che amo moltissimo e tanti bravissimi artisti. Posso dire che questi padiglioni sono davvero interessanti, stimolanti, vivaci e, a volte, magici. Quando sono andata c'era stato un nubifragio e alcuni padiglioni erano chiusi per riparazioni. Mi è piaciuta la Cina che propone un viaggio dalle tradizioni al futuro.

Proseguendo, andate all'isola di San Giorgio, potrete godervi delle bellissime opere di Robert Rauchenberg, una mostra sugli stupefacenti vetri di Sottsass, e ancora una su Boetti e Pistoletto. Un pacchetto notevole che vale veramente la pena. Tutto gratuito. Passate ai Magazzini del Sale, andate a vedere "Emilio Vedova De America". Una bella mostra che si collega a quelle di Gallerie d'Italia e Museo del 900 a Milano. Con la visione di un film in Super 8 davvero interessante, realizzato da Vedova a New York.
Quando uscite dalla mostra, dirigetevi verso le Zattere e potrete godervi delle divertenti installazioni di Robert Wilson, davvero spassose. Realizzate per Illy, che lo ha chiamato quest'anno per realizzare una delle sue tazzine. La collezione Illy è tutta esposta in modo simpatico ed è davvero bella. Bravo signor Illy. A questo punto prendete il vaporetto che avete a poca distanza e andate alla Giudecca davanti a voi. Alla galleria Tre oci, vi troverete immersi nel mondo di David La Chapelle. Tre piani di follia fotografica, di fantasia oltre ogni limite e di bravura nella realizzazione di progetti monumentali per complessità di costruzione. Se è il vostro genere, sarete entusiasti.

Naturalmente, a questo punto, devo dirvi di passare assolutamente a Palazzo Grassi e Punta Dogana. Damien Hirst, che vi piaccia o no, è un genio del marketing. Ha inventato una fiction: falso ritrovamento di opere in mare, resti di un antico naufragio. Abili artigiani hanno copiato, sotto le sue direttive, scultere dalla mitologia di tutti i continenti, ma ci trovate pure Topolino e i volti di cantanti e attori contemporanei. Tutto incrostato dagli scultori, come fosse rimasto in mare secoli. Tutto buttato in mare appena fatto e poi filmato mentre esperti subacquei lo riportavano a terra. Un bella fiction alla Indiana Jones. Il tutto davvero monumentale, per stupire ancora di più. Sarà che ha compreso che la vita non ha nulla di magico in questo momento, e che ognuno di noi ha voglia di sognare, ed ecco che ci ha regalato un sogno. Per chi lo apprezza. Certo non gli mancano le idee, e i grandi collezionisti non si perderanno questa occasione. Andateci, poi mi saprete dire.
La biennale, come sapete, dura fino a novembre.

Potrei segnalarvi molto altro ma, godetevi questa città incredibile e speriamo che i ghiacci al Polo non si sciolgano troppo in fretta, altrimenti, addio magica Venezia. A proposito, al ponte di Rialto lato San Marco, c'è un palazzo a quattro piani con terrazza. La cosa più bella che vedrete in tutta la vacanza, sarà questa meravigliosa vista di Venezia dall'alto.
 
La Biennale di Venezia: appuntamento imperdibilePartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Falegnameria di Gregorio