GTranslate

 

Tarshito. Il Sentiero del Viandante Innamorato

artisti costruttori di pace
Chiusura 05/06/2019
Si è conclusa in data 5 giugno 2019 una festa celebrativa in onore del Viandante Innamorato, opera di Tarshito, che è finalmente tornata a casa per poi ripartire in varie spedizioni. Si tratta di un rotolo di tela grezza lungo 10,80 mt, sul quale sono impresse immagini create dall’artista, comunicanti con opere d’arte e di alto artigianato di varie tradizioni culturali del mondo. Nella splendida cornice del Villaggio Speciale Tarshito, l’artista ha riunito presenze significative del territorio pugliese, in una serata all’insegna della danza, della musica e del canto, nella quale gli esponenti hanno avuto modo di presentare i propri progetti. L’opera, accompagnata dai video che ne esplicitavano il contenuto, è stata srotolata allo sguardo di un’attenta schiera di invitati, giornalisti, docenti e storici dell’arte, in onore degli ospiti Maseeh Rahman, corrispondente in New Delhi e di Yashodhara Dalmia, storica dell’arte esperta di arte indiana contemporanea.
Di seguito la descrizione di Vanessa Maggi.
Villaggio Speciale Tarshito Bari Mungivacca Strada Torre di Mizzo, 27 70126 Mungivacca-Bari-Italy mappa
Inaugurazione 05/06/2019
A novembre 2018 si è concluso per Tarshito un pellegrinaggio simbolico svoltosi in 7 continenti di elezione, cominciato nel luglio 2017 in onore della Madre Terra e del concetto di una Sola Umanità.
L’artista, coinvolto da sempre in operazioni ispirate da disparate matrici mistiche e filosofiche, definisce ora il progetto del rotolo di grande spessore sul piano ideologico. L’artista, in una posizione “laterale” rispetto alla maggioranza degli autori contemporanei, calca coraggiosamente una propria visione del mondo depurata da odio e violenze, da confini geografici che si rivelano inesistenti e riduttivi, poiché determinanti disgregazioni e incomprensioni latenti, ora politiche, ora razziali o religiose.
L’opera è un rotolo di tela grezza sul quale ha impresso tratti di una mappa immaginaria del mondo conoscibile, azzerandone i confini per reinventare un planisfero surreale, mescolato, deprivato di blocchi e frontiere. L’intento utopico si rivela nelle immagini che lo compongono, nei toni cromatici tenui del supporto, nei bianchi e nelle chine delle carte geografiche che manifestano un intimo senso di umiltà nei confronti di esperienze culturali e artistiche vivaci e talvolta prorompenti, che l’artista rinnovato accoglie nel suo seno, ognuna con il proprio linguaggio di cromie accese e di presenze descritte da un tratto elementare. Le raffigurazioni lasciate agire liberamente nello spazio geografico sono il prodotto di mani esperte e di potenti riflessioni spirituali e cosmogoniche.
L’abbraccio che l’artista offre alle popolazioni tribali e alle comunità rurali discoste nel pianeta, occorre a interpellarle in un viaggio immaginario e simbolico, che si fa attuale e concreto nell’azione dello spostamento del soggetto che va loro incontro e nel messaggio. La corrispondenza del pensiero è totale e assoluta, una stretta di culture diversificate. L’opera infatti accomuna le sette tradizioni, sperimentando un senso di condivisione e di unità.
Il percorso descrittivo segue quello fisico del pellegrinaggio, che, nell’arco temporale di quasi tre anni, attraversa le sette parti del globo terrestre. Comincia con Saul Eleuterio Carillo, della comunità di artisti Huichol, a Guadalupe Ocotàn in Messico; prosegue in India, con Venkat Raman Singh Shyam, artista Gond di Bhopal; s’inerpica sui monti del Nepal, in compagnia di tre monaci tibetani pittori di Mandala. Sarà poi alla volta del Perù, con la pittrice shipibo Lastenia Canayo Garcia, e del Bangladesh, con Totini Saha e Salina Akter, ricamatrici Kantha di Jessore. Ancora una volta scenderà i picchi dell’Atlas in Marocco, con il calligrafo Sadik Haddari e infine in Corea del Sud, assieme a Son Oe Ja nel monastero Bomunsa.
Le tappe del “viandante innamorato” Tarshito si soffermano in territori il cui sapere ancestrale vuole comunicare al mondo un messaggio urgente di presa di coscienza e distacco dalle guerre e dalle divisioni di ogni sorta. Accomunati da una medesima idea di rispetto del pianeta e degli esseri che vi risiedono, gli artisti chiamati in causa condividono con Tarshito le proprie tradizioni, gli antichi miti, i rituali e le leggende, per farsi portatori di un univoco anelito per il futuro: “una sola terra…, una sola umanità”.
L’opera continuerà il suo viaggio virtuale in una serie di esposizioni internazionali, prossimamente a Lima in Perù presso l’Istituto Italiano di Cultura, dal titolo: Tarshito fall in love with Perù con varie altre opere che inquadreranno il progetto del rotolo del Sentiero del viandante innamorato.
Recensione di Vanessa Maggi
[email protected]
 
Tarshito. Il Sentiero del Viandante InnamoratoPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Ugo Nespolo, «fuori dal coro”» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Chiese e dimore antiche

Villa Bernasconi a Cernobbio: vivere il Liberty

di Ugo Perugini
Non ci sono molti esempi di edifici Liberty [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto