GTranslate

 

Trieste Contemporanea e ArtSpace - Ricerca dell’identità (al tempo del selfie)

Trieste Contemporanea e ArtSpace presentano un ciclo di mostre e incontri sul tema della Ricerca dell’identità (al tempo del selfie), dal 12 gennaio al 22 febbraio, allo Studio Tommaseo di Trieste, coinvolgendo artisti provenienti da BOSNIA, CROAZIA, FRANCIA, INGHILTERRA, ITALIA, LIBANO, POLONIA e UCRAINA, selezionati dalle curatrici Giuliana Carbi e Gabriella Cardazzo.

Chi sono io oggi? Modificando la mia identità virtuale, lascio tracce del mio io reale? Com’è cambiato il concetto di identità ai giorni nostri? Qual è l’approccio delle nuove generazioni nel definire la propria interiorità nell’epoca della digitalizzazione?
Queste alcune delle domande che si porranno artisti visuali, musicisti, attori, danzatori, scrittori e filosofi, offrendo spunti ed interpretazioni diverse. Diverse per la diversità dei soggetti coinvolti, ma anche perché diversi sono i tipi di ricerca dell’identità, che spaziano da una “classica” ricerca dell’interiorità alla più recente “fluidità” dell’apparire diffusa con i dispositivi digitali. 
L’iniziativa si compone di tre mostre, che inaugureranno rispettivamente il 12 gennaio, il 26 gennaio e il 9 febbraio, e di una tavola rotonda (16 febbraio). Opere a parete, disegni, fotografie, installazioni, video, musica e performance si avvicenderanno nei vari appuntamenti, toccando competenze di percezione sensoriale diverse e coinvolgendo il pubblico in un rapporto fortemente emotivo che sarà anche cadenzato da una traccia sonora nella quale una trentina di “contributi” sull’identità verranno messi a disposizione: un interessante filo rosso auditivo dell’intera iniziativa, insolito rispetto alla rappresentazione di sé che ci viene offerta dalle immagini. 
Daranno voce al dibattito sull’identità Claudio Ambrosini, Luigi Arpini, Cristiano Berti, Amos Bianchi, Marc Camille Chaimowicz, Fulvio Dell’Agnese, Małgorzata Dmitruk, Diego Esposito, Patrick Faigenbaum, Katja Fleig, Giovanni Floreani, Manuel Frara/interno 3, Daniela Gattorno, Giulia Iacolutti, Laure Keyrouz, Ian Mckeever, Samir Mehanović, Cristiana Moldi Ravenna, Lada Nakonechna, Remo Rostagno, Mario Sillani Djerrahian, Sonia Squillaci, Leon Tarasewicz, Stefano Triberti, Gian Carlo Venuto, Marijana Vukić Pende, Andrzej e Teresa Wełmiński.


Programma:

1 |  SABATO 12 GENNAIO ore 18
Inaugurazione mostra 1: Claudio Ambrosini, Cristiano Berti, Patrick Faigenbaum, Manuel Frara/Interno 3, Lada Nakonechna, Mario Sillani Djerrahian, Marijana Vukić Pende
+ performance di Giovanni Floreani e Daniela Gattorno

2 |  SABATO 26 GENNAIO ore 18  
Inaugurazione mostra 2: Małgorzata Dmitruk, Diego Esposito, Katja Fleig, Sonia Squillaci, Gian Carlo Venuto
+ performance/installazione di Laure Keyrouz

3 |  SABATO 9 FEBBRAIO ore 18  
Inaugurazione mostra 3: Luigi Arpini, Marc Camille Chaimowicz, Giulia Iacolutti, Ian McKeever, Cristiana Moldi Ravenna, Leon Tarasewicz, Andrzej e Teresa Wełmiński
+ film di Samir Mehanović

4 |  SABATO 16 FEBBRAIO ore 18  
Tavola rotonda con Amos Bianchi, Fulvio Dell’Agnese, Remo Rostagno, Stefano Triberti
+ performance di Remo Rostagno


Trieste Contemporanea
via del Monte 2/1 Trieste Italy
+39040639187
[email protected]
www.triestecontemporanea.it
www.facebook.com/TriesteContemporanea
Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph