GTranslate

 

Franca Ghitti alle Gallerie d'Italia, la scultura come linguaggio

gall italia
Chiusura 17/02/2019
di Clara Bartolini
"Altri Alfabeti" di Franca Ghitti è la bella mostra proposta da Gallerie d'Italia dedicata a questa artista bresciana scomparsa da pochi anni. L'esposizione è curata da Cecilia de Carli e potrà essere visitata fino al 17 febbraio. Le sue opere sono un lavoro artigianale potente, che approfondisce antiche culture locali, leggende, dialetti e vecchi utensili. "
"Altri Alfabeti" di Franca Ghitti è la bella mostra proposta da Gallerie d'Italia dedicata a questa artista bresciana scomparsa da pochi anni. L'esposizione è curata da Cecilia de Carli e potrà essere visitata fino al 17 febbraio. Le sue opere sono un lavoro artigianale potente, che approfondisce antiche culture locali, leggende, dialetti e vecchi utensili.
Piazza della Scala 6 - Milano mappa
Inaugurazione 15/01/2019
"Altri Alfabeti" di Franca Ghitti è la bella mostra proposta da Gallerie d'Italia dedicata a questa artista bresciana scomparsa da pochi anni. L'esposizione è curata da Cecilia de Carli e potrà essere visitata fino al 17 febbraio. Le sue opere sono un lavoro artigianale potente, che approfondisce antiche culture locali, leggende, dialetti e vecchi utensili. Un popolo rievocato con legni e figure primitive come generazioni passate, soprannominate Vicinie. Memorie del tempo degli Avi, sentiti come protettori del presente e del futuro. Molti anche i materiali di scarto riproposti per comporre atmosfere sorprendenti, restituendo loro significato, creando un nuovo linguaggio delle cose che le trasforma in reperti, simboli, metafore d'altro. Vi è una rievocazione potente di un passato suggerito dalla cultura Camuna, che la Ghitti aveva a portata di sguardo.

Dalla falegnameria di famiglia deriva certamente l'ispirazione nell'uso dei tronchi, lavorati come boschi carichi di suggestioni linguistiche. E tutto ciò che in quella falegnameria diventava mezzo di composizione dei manufatti, per Franca, diventa composizione di opere d'Arte. Nascono così anche i “libri chiodati”. Un alfabeto enigmatico e suggestivo che suggerisce la nascita della parola scritta, per la semplicità dei segni, in grado di evocare più che di farsi comprendere. Questa sospensione del significato attraversa tutta la mostra, che vive sul piano della concretezza per la forza materiale degli oggetti presenti, e dell'immaginario per l' evocazione che porta a vagare lontano e indietro nel tempo, quasi per far percepire l'energia della Natura ancora contenuta nella materia che compone ogni scultura.

Una grande forza emerge da queste opere, una forza espressiva coinvolgente. Nello spettatore le emozioni prendono forma e riportano al passato di ognuno, con i propri Lari e i propri ancestrali linguaggi. Franca Ghitti ha saputo farsi conoscere in Italia e all'estero, ed è presente con le sue sculture in molte collezioni e Musei in tutto il mondo e in tutti i continenti, come i Musei Vaticani. Gallerie d'Italia ha acquisito due grandi opere dell'artista, presenti in mostra, a conferma del prestigio conquistato dalla sapiente artista.



 
Franca Ghitti alle Gallerie d'Italia, la scultura come linguaggioPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph