GTranslate

 

Il disegnatore è libero. Opere di Ivan Graziani

artisti costruttori di pace
Chiusura 23/06/2019
Il Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna ospita per un mese - a partire dal 24 maggio – un’esposizione antologica del lavoro grafico e pittorico di Ivan Graziani dal titolo “Il disegnatore è libero”, curata da Olivia Spatola e Manuela Valentini in collaborazione con Francesco Colafella.
Strada Maggiore 34, Bologna mappa
Inaugurazione 23/05/2019

COMUNICATO STAMPA
Bologna, 22 maggio 2019
con preghiera di pubblicazione

Istituzione Bologna Musei | Museo internazionale e biblioteca della musica
presenta
“Il disegnatore è libero”
opere di Ivan Graziani
a cura di Olivia Spatola e Manuela Valentini
in collaborazione con Francesco Colafella
dal 24 maggio al 23 giugno 2019

Il Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna ospita per un mese - a partire dal 24 maggio – un’esposizione antologica del lavoro grafico e pittorico di Ivan Graziani dal titolo “Il disegnatore è libero”, curata da Olivia Spatola e Manuela Valentini in collaborazione con Francesco Colafella.

Continua il ciclo delle personali dedicate agli artisti che hanno messo al centro il dialogo tra arte e musica, avviato con ALIAS capitolo secondo di Giorgio Faletti e con la personale di Francesco Tricarico Quando la musica si mostra. Una nota al museo.

Ivan Graziani, artista dal talento indiscusso, personaggio atipico, decisamente "avanti" rispetto ai suoi contemporanei, estremamente versatile, rientra nell’olimpo dei cantautori italiani per la peculiarità di avere creato un raccordo tra la canzone d’autore e il rock, percorrendo una strada già ricca di capiscuola - Battisti, Finardi, Bennato, Dalla … - ma implementandola della sua particolare visione. Tutto senza complessi di inferiorità verso i modelli anglosassoni e con l'orgoglio della tradizione (e della provincia) italiana.

Pochi però sono a conoscenza del suo percorso nelle arti visive.
Un personaggio dalla personalità così spiccata ed un talento cosi grande non poteva esaurire la sua creatività in un’unica disciplina: infatti, insieme alla musica sua grande passione, sviluppò parallelamente quello che fu definito il suo “lato B” ovvero il percorso dell’Ivan Graziani disegnatore.

Le sue speciali attitudini artistiche emergono ben prima dell'adolescenza, allorché riceve in dono una batteria che diventa il suo passatempo preferito, assieme al disegno. Tutto questo fino a che il fratello maggiore non lascia nell'angolo della stanza una chitarra. Ad Ivan si apre un mondo, e alle matite colorate affianca il nuovo giocattolo, strimpellato così assiduamente da costringere i familiari e relegarlo in cortile.
Da quel momento musica e disegno convivono strettamente: Ivan frequenta l’Istituto d’arte e trascorre le sue giornate tra la scuola e la stanza di un suo coetaneo che studia pianoforte, Gianni Dale figlio dell'orchestrale Nino, cantante e sassofonista molto noto in Abruzzo e nel cui gruppo - i Modernists - farà il suo ingresso poco più che diciottenne debuttando discograficamente anche come cantante.

Il resto è storia della musica italiana: arriva il successo ma il suo sogno segreto rimane legato all’arte, si diploma pittore e studia scultura, ma la musica è per lui un’esigenza fondamentale e la sua carriera di fumettista viene messa da parte, senza, però, che la passione per carta e china andasse perduta.
In realtà, i due filoni artistici hanno sempre convissuto, procedendo in parallelo e, a volte, sovrapponendosi. Molti dei suoi schizzi si riferiscono proprio ad alcuni dei suoi più grandi successi come “Firenze” o “Maledette malelingue”, presentata a Sanremo nel 1994. Scrive Vincenzo Mollica a proposito dei disegni di Graziani: “I suoi disegni vivevano con le sue canzoni come vasi comunicanti, si alimentavano della stessa fonte di emozioni”.

Il mestiere di disegnatore lo attraeva perché "il disegnatore è libero di fare quello che vuole", a differenza del cantante che "è sempre nelle mani di troppa gente".

Graziani infatti era un uomo libero che amava la libertà: non amava “scendere a patti” con le ingerenze dei discografici, categoria, da lui raffigurata graficamente da esseri mostruosi, che mal si conciliava con il suo carattere ribelle.

Proprio in onore della sua libertà nasce questa mostra, che, come altre operazioni precedenti, tra cui la pubblicazione del catalogo “Il disegnatore libero”, vuole fare luce su un aspetto meno noto ma non minore di questo artista eclettico e fantasioso.
La sua ironia sfrontata nello scagliarsi contro le ingiustizie e i luoghi comuni, la sua vivacità creativa ben sottolineata dall’approccio istrionico per cui le sue liriche divennero così note, si armonizzano perfettamente negli schizzi, nei bozzetti, nelle strisce estratte dai blocchi e dai fogli volanti riempiti continuamente nel corso della vita, anche in occasione di viaggi e tournée musicali.

Delle opere presentate in mostra molte sono inedite, provenienti da quaderni di schizzi e appunti che l’artista aggiornava con regolarità.
Una galleria di personaggi dal taglio cinematografico, impegnati in situazioni di vita quotidiana.
Il tratto a china, a volte più rotondo e acquerellato con l’alcool, a volte più stilizzato e spigoloso, ha la costante di una visione grottesca e satirica.

Disegni - definiti dal giornalista Andrea Scanzi - atipici e geniali e quindi somiglianti a Ivan: “un pioniere ed un rivoluzionario dell’arte”. Ed è per questo che in un’opera si può riconoscere la sua “Signora Bionda dei Ciliegi” o nell’uomo che piange si può riscontrare quella che avrebbe dovuto essere la copertina di uno dei suoi primi album Desperation, pubblicato nel 1973 dall'etichetta Freedom Records.

Un lungo percorso anticonformista e bizzarro quello di Ivan Graziani, vero specchio della sua grande personalità.



Il disegnatore è libero
opere di Ivan Graziani
a cura di Olivia Spatola e Manuela Valentini
in collaborazione con Francesco Colafella

Museo Internazionale e Biblioteca della Musica
Strada Maggiore 34 - Bologna
dal 24 maggio al 23 giugno 2019

Inaugurazione
giovedì 23 maggio ore 18.00

Ingresso incluso nel biglietto del Museo:
€ 5.00 intero | € 3.00 ridotto | € 2.00 giovani 18 > 25 anni

Informazioni
Museo internazionale e biblioteca della musica
Strada Maggiore 34 | 40125 Bologna
tel. +39 051 2757711 | [email protected]
www.museibologna.it/musica
Facebook: Museo internazionale e biblioteca della musica
YOUTUBE: MuseoMusicaBologna

Ufficio Stampa Istituzione Bologna Musei
Elisa Maria Cerra - Silvia Tonelli
tel. +39 051 6496653 / 6496620
[email protected]
[email protected]
[email protected]
 
Il disegnatore è libero. Opere di Ivan Graziani Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph