GTranslate

 

Giorgio de Chirico: la ricerca di un visionario

ariadneChiusura 19/01/2020
di Francesca Bellola
L'autunno milanese si annuncia caldo non solo per il clima temperato, ma per il fitto calendario artistico qualitativamente elevato. E così, dopo la grande mostra del 1970 di Giorgio de Chirico, che compiva ottantadue anni, Palazzo Reale dedica al Pictor Optimus - soprannome per definire la sua innata capacità tecnica, insieme all'interesse per il classicismo - una retrospettiva che raccoglie un centinaio di capolavori provenienti dai più importanti musei internazionali.
Piazza del Duomo, 12 Milano mappa
Inaugurazione 25/09/2019
L'autunno milanese si annuncia caldo non solo per il clima temperato, ma per il fitto calendario artistico qualitativamente elevato. E così, dopo la grande mostra del 1970 di Giorgio de Chirico, che compiva ottantadue anni, Palazzo Reale dedica al Pictor Optimus - soprannome per definire la sua innata capacità tecnica, insieme all'interesse per il classicismo - una retrospettiva che raccoglie un centinaio di capolavori provenienti dai più importanti musei internazionali.

E' raro visitare una retrospettiva perfetta. Ebbene, in questo caso, non c'è nulla da eccepire: l'allestimento minimale costituito da spazi luminosi dialoga con le geometrie metafisiche, inoltre le didascalie cristalline e ben leggibili, rendono l'atmosfera accattivante. Suddivisa in otto sale e curata da Luca Massimo Barbero, l'esposizione, aperta fino al 19 gennaio 2020 e correlata da un catalogo Electa, procede con un percorso tematico, dalle opere giovanili a quelle metafisiche ricostruendo la ricerca originale e visionaria di uno dei massimi esponenti dell'arte del XX secolo.

Nato in Grecia, a Volos, nel 1888, la terra dei centauri cui sono dedicati i primi quadri in mostra, dopo gli studi ad Atene, i viaggi a Ferrara - dove conosce De Pisis e Carrà -, Milano, New York - dove esplora le prime piazze metafisiche -, arriva a Parigi. Nella capitale francese trova la sua dimensione ideale. Intellettuale oltre che artista, de Chirico frequenta Picasso, Max Jacob, Apollinaire, scrive articoli e trattati. Jean Cocteau individua bene la sua essenza: “Il vero realismo consiste nel rappresentare le cose sorprendenti nascoste sotto il velo dell'abitudine e che non sappiamo più vedere”.

Dopo le sue celebri e deserte “Piazze d'Italia” raffiguranti manichini, portici, tram e auto, è la svolta al ritorno delle iconografie del Rinascimento degli anni '20 dove viene stroncato dalla critica. Noncurante di ciò, dissacra le sue tele dipingendo oggetti apparentemente insensati quali scatole, gladiatori, biscotti, ect. La sua ironia non risparmia nemmeno le statue dei miti greci, dei gladiatori e perfino di se stesso, come gli autoritratti in mutande dall'aria compiaciuta e beffarda.

Nonostante la sua versatilità, era un uomo pigro, vittima delle mogli che avevano un gran potere sulla sua personalità e sottomesso probabilmente dal carattere forte della madre, tanto da amministrare in maniera oculata il suo denaro. Fu il primo a creare i “falsi” d'autore. Una 'trovata' che solo un mente lucida avrebbe potuto inventare. Divenuto famoso, gli venivano richiesti sempre le vecchie opere che, ovviamente, aveva già venduto. Quindi pensò di rifarli retrodatandoli. Questa sua “contraffazione” aprì la strada alle falsificazioni: cominciarono a girare le 'repliche' che nemmeno lui, non sappiamo se fingesse o meno, sapeva riconoscere come originali o manipolate. Una situazione kafkiana!

Foto: Giorgio de Chirico, Ariadne, 1913, Olio e grafite su tela, 135,3 x 180,3 cm
New York, The Metropolitan Museum of Art, Lascito di Florene M. Schoenborn, 1995, © Giorgio de Chirico by SIAE 2019


 
Giorgio de Chirico: la ricerca di un visionarioPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph