GTranslate

 

Le orme sull’acqua

artisti costruttori di pace
Chiusura 31/01/2020
La galleria Art Gap è lieta di accogliere, dal 25 al 31 gennaio 2020, la mostra personale, Le orme sull’acqua, di Gilda Pantuliano a cura di Federica Fabrizi. La rassegna verrà inaugurata il 25 gennaio 2020 alle ore 18:30.
Via di San Francesco a Ripa 105/a Roma mappa
Inaugurazione 25/01/2020
Gilda Pantuliano, artista emergente salernitana, debutta nel 2018 nel mondo dell’arte partecipando alla digital exhibition, Mare Nostrum – suggestioni dall’ inconscio, presso gli Arsenali di Amalfi (SA). Da quel momento in poi, inizia ha collezionare numerosi e prestigiosi riconoscimenti internazionali: il primo premio della critica internazionale al concorso Arte Salerno 2018 – International Art Prize; il premio pubblico al concorso NowArt Salerno; il primo premio al concorso Mare Motus – approdi dell’anima; il primo premio Iside al concorso Iside International Art Prize, nella sezione fotografia e grafica. Inoltre, ha esposto i suoi lavori sia in Italia che all’estero (Salerno, Lecce, Amburgo, Parigi, Spagna…).
Gilda Pantuliano, presenta sedici fotografie della serie Le orme sull’acqua e tre fotografie inedite della serie Il lessico dell’anima. Il filo conduttore nei suoi lavori è l’amore sconfinato verso il mare «è qualcosa da cui non puoi scappare, il mare; il mare chiama, non smette mai, ti entra dentro, ce l’hai addosso» (A. Baricco). Osservando le opere, emerge la sua indole visionaria, complicata, intuitiva con il bisogno di esplorare il proprio inconscio alla ricerca di emozioni sempre diverse. L’artista campana utilizza una tecnica borderline tra la fotografia e l’arte digitale, quest’ultima limitata in post-produzione ad interventi di viraggio di colore, ritagli, sovrapposizione di elementi e specchiature. Il risultato finale è un collage fotografico digitale.
Nella serie Le orme sull’acqua, Gilda Pantuliano, riflette sulle nefaste conseguenze del comportamento umano sull’ambiente marino, concentrandosi sui fenomeni della sovrapesca, della pesca con le reti a strascico e della pesca fantasma: gravi minacce per salute dei mari. In post-produzione, l’artista, sublima l’immagine delle reti fino a spezzare il legame tra il soggetto reale e la sua rappresentazione. In questo modo, arriva nella dimensione liquida della sua mente, dove un filo può creare anche una figura antropomorfa o zoomorfa, ispirata alla mitologia. Il messaggio che vuole trasmettere è quello di gestire con saggezza le risorse che il pianeta Terra ci ha donato, in quanto non infinite ed in precario equilibrio… Il mare di cui ci parla è anche e soprattutto il suo mare interiore, il mare del non dicibile di Calvino. Qui dimorano le sue emozioni, che sapientemente fa emergere trasmettendole all’osservatore. Tutti questi fili creano delle forme che appaiono apparentemente astratte ma come in un test di Rorschach, il fruitore scorge figure e simbolismi affini alla sua interiorità o si lascia guidare dalle suggestioni suggerite dal titolo dell’opera.
Nella serie Il lessico dell’anima, prettamente digitale, la sostanza fotografica si dissolve fino ad assumere una valenza pittorica. Il segno sinuoso e le linee curve policromatiche nel loro accostamento creano le superfici.
L’arte è il mio Altrove, nel quale mi rifugio per trovare la mia pace interiore.
 
Le orme sull’acquaPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Chiusura 16/07/2020 di Stefano Pariani
Molti milanesi la ricordano ancora come la “gesetta di lusert”, la chiesetta delle lucertole, un edificio [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph