GTranslate

 

Le opere di Marcello Morandini: il catalogo ragionato

di Ugo Perugini
La Fondazione Morandini, presieduta dello stesso artista e designer e dalla moglie Maria Teresa Barisi, è nata nel 2017 e ha sede nella Villa Zanotti, al centro di Varese, oggetto di numerosi interventi di restauro non ancora conclusi. Qui si trovano le sue opere e l’intento è quello che la location possa ospitare in futuro mostre, convegni e attività legate all’arte concreta e costruttivista.
via del Cairo 41 - Varese mappa
Tra le prime iniziative della Fondazione, la realizzazione di un ampio catalogo ragionato dell’opera di Marcello Morandini, presentato a Brera dallo stesso artista, insieme al curatore dell’opera Marco Meneguzzo, oltre a Sandro Parmiggiani e Serge Lemoine, critici d’arte e profondi conoscitori dell’opera di Morandini.

Il volume, oltre 500 pagine, racconta il percorso artistico di Morandini dal 1964 ad oggi ed è suddiviso in tre parti: la prima che contiene i testi critici del curatore e un saggio di Lemoine; la seconda che è un’antologia di interventi che approfondiscono l’evoluzione del pensiero dell’artista, la sua ricerca del movimento nello spazio; e la terza dedicata al catalogo delle sue opere.

L’idea di base di Morandini è quella di poter governare lo spazio umano, che è qualcosa di socialmente mutevole, di coglierne l’essenza eterna, attraverso le forme geometriche, e contemporaneamente le relazioni che esistono tra spazio e persone, secondo il principio per il quale “dove sono significa anche chi sono”.

Per farlo, Morandini deve liberarsi da qualsiasi orpello che ne ostacoli o distragga dall’obiettivo principale, a cominciare dal colore, bandito dalle sue opere a favore del bianco e nero o, al massimo, di sfumature di grigio.

Questa sua scelta diventa necessaria per scoprire la verità essenziale delle sue idee, per cogliere con l’immediatezza della percezione visiva ritmi e relazioni, tra forme geometriche e idee matematiche, poi esplicitate nei titoli che egli stesso dà alle sue opere. D’altra parte, non si dice che Federico Zeri interpretasse i quadri antichi attraverso le loro riproduzioni in bianco e nero?

L’altro aspetto della ricerca artistica di Morandini è la sua vocazione plastica. Inizia con opere bidimensionali o appena aggettanti e continua misurandosi con la tridimensionalità che lo porta ad entrare nella realtà concreta, con grandezze diverse, ”dal cucchiaio alla città”, per dirla alla Gropius.

L’Artista, mantovano di origine, è spinto dall’idea di progettare non tanto oggetti, quanto relazioni spaziali nelle quali deve trovare collocazione la presenza umana e le relazioni tra le persone inserite in un determinato spazio. Non bisogna dimenticare che Morandini è architetto e, come dice lui stesso, tutte le sue opere d'arte nascono "sotto il segno dell'architettura", compreso il settore del design che in gran parte può definirsi “un'architettura dell'uso quotidiano".

Nella parte del catalogo dove vengono riportate le sue opere in ordine cronologico, suddivise per decenni, vengono rievocati incontri, circostanze, sentimenti, come l’amarezza profonda provata per la Biennale di Venezia del 1968, la sua avversione alla contestazione e al suo velleitarismo, che lo farà sentire quasi un “esiliato in patria”.

Non bisogna pensare, però, che nelle opere di Morandini vi sia solo l’esigenza di una razionalizzazione estrema. Il connotato umano è sempre presente perché, come dice Meneguzzo, ogni gesto, ogni atto della giornata è un frammento di un “sistema vitale” inscritto in un progetto che è prima di tutto spaziale, e che poi diventa misura del mondo.
Morandini si può definire il “poeta dello spazio” e, seguendo il dettato di Theo von Doesburg, che considerava l’arte concreta come contributo alla realtà non come una sua rielaborazione o interpretazione, è possibile affermare che “non sono le idee che generano le forme, ma le forme che generano le idee”.

Il volume “Marcello Morandini. Catalogo ragionato”, 24x28 cm, 536 pagine, cartonato, è edito da Skira editore e costa 150 euro. La sede della Fondazione Morandini, che si trova in via del Cairo 41 a Varese, ogni week end a partire dal 1 febbraio al 5 aprile 2020 resterà aperta dalle 15,00 alle 18,00.





.
 
Le opere di Marcello Morandini: il catalogo ragionatoPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph

Chiese e dimore antiche

Villa Bernasconi a Cernobbio: vivere il Liberty

di Ugo Perugini
Non ci sono molti esempi di edifici Liberty [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto