GTranslate

 

“IL COLORE DELL’ACQUA. MARIA CRISTIANA FIORETTI”

“I TALENTI DELLE DONNE”. ACQUARIO CIVICO, DA DOMANI APRE AL PUBBLICO LA MOSTRA “IL COLORE DELL’ACQUA. MARIA CRISTIANA FIORETTI”

 “Qual è il colore dell’acqua? E quello dell’aria?”. A queste domande si accinge a rispondere la mostra di Maria Cristiana Fioretti, artista multimediale sperimentale nell’ambito della cromatologia, che si terrà dal 6 febbraio all’8 marzo 2020 all’Acquario Civico di Milano.

La rassegna è promossa dal Comune Milano|Cultura e dall’Acquario Civico e rientra nel palinsesto “I talenti delle donne”, promosso dal Comune di Milano e dedicato all’universo femminile che durante tutto il 2020 propone iniziative disciplinari – dalle arti visive alle varie forme dello spettacolo dal vivo, dalle lettere ai media, dalla moda alle scienze – dedicate alle donne protagoniste nella cultura e nel pensiero creativo.

 

Il percorso proposto dalla curatrice Raffaella Resch presenta circa 30 opere pittoriche e multimediali, tra cui una decina di tele della serie “Meduse”, realizzate appositamente per la mostra milanese, e due installazioni site specific.

 

Dal 2010, anno della sua personale “Light-Abstr-Action” presso la Casa dell’Energia a Milano, il lavoro di Cristiana Fioretti si basa sulla fusione tra colore, luce, spazio e suono. In mostra affiancheranno le nuove opere alcuni suoi lavori più significativi di questi ultimi dieci anni, tratti dai cicli “Dream in box” (2010), “LightNess” (Light Art, 2010) e “Colormaps or spices” (2015), oltre al dipinto “fluo” (“Black light Art”, 2017) realizzato con colori sensibili alla luce e l’opera multimediale installativa “Sensorial Space” (2013) presentata per la prima volta a Palazzo Bembo a Venezia (in occasione della 55. Biennale d’Arte di Venezia) e qui riproposta: un “sensorial box”, ideato come una sorta di acquario, un gioco d’acqua ribollente all’interno di trasparenti vasche emisferiche, accompagnate da effetti di luce e suoni che ricordano il mare e il sole del sud della Francia dove l’artista vive.

La ricerca di Cristiana Fioretti è rivolta principalmente alla luce, al colore e all’interazione con elementi quali l’acqua e la terra. L’artista esplora tecniche e materiali sempre diversi, sia in rapporto con la storia dell’arte europea, a partire dalle ricerche ottiche di Goethe, fino all’impiego di elementi illuminanti artificiali del contemporaneo. Nelle sue opere Fioretti mette in atto pigmenti speciali da lei composti, che interagiscono nella composizione materica del dipinto allo scopo di ottenere risultati sorprendenti, con colori e riflessi a seconda dell’incidenza e della quantità di luce nel giorno.

L’artista prosegue nelle sue indagini sull’utilizzo di reperti materiali legati alla terra e all’ambiente, per definire una mappatura artistica di alcuni siti costieri che si caratterizzano come suoi luoghi d’affezione Mentone in Francia, dove abita, con la costa affacciata sul Mar Ligure; il mare Adriatico delle Marche dove è nata e cresciuta; le Isole tropicali Keys situate tra l’Oceano Atlantico e il Golfo del Messico; e ora, in occasione della mostra milanese, il paesaggio immersivo del  fondale sottomarino.

 

L’allestimento è a cura di Domenico Nicolamarino, con la collaborazione di Gaetano Corica e Fabio Agrifoglio.

 

Il catalogo, edito da Silvana editoriale, conterrà una presentazione di Maria Cristina Galli, Vicedirettore dell’Accademia di Belle Arti di Brera, e i testi di Raffaella Resch (introduzione alla mostra), Jacqueline Ceresoli (“Sensorial Space. Da Venezia 2013 a Milano 2020”), Guido Curto (“Cromatologia. Le mostre di San Remo e di Torino del 2013”), Hugues De la Touche (“Colori e luce del Sud della Francia”), Gisella Gellini (“Le opere di Light art e Black Light art e le lezioni al Politecnico di Milano”), Xu Jin (“Arte e didattica. Scambi internazionali tra Italia e Cina”), Ida Chicca Terraciano (“Colori e didattica e la serie Dream Box”), Cristiana Fioretti (“Ricerca artistica e didattica: colore e natura, colore e luce, colore e tecnologia”).

 

Orari

Martedì – Domenica 9.30 – 17.30

Lunedì chiuso (La biglietteria chiude alle 16.30)

Biglietti d’ingresso ǀ  5 euro intero, 3 euro ridotto

(la visita alla mostra è compresa nel biglietto d’ingresso all’Acquario)

 

Info: www.acquariocivicomilano.eu, Tel. 02.88465750

Pin It

Viaggio nell'Arte

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph