GTranslate

 

Villa Bassi Rathgeb il motore dell'offerta culturale di Abano Terme

Due anni di programmazione, dopo la forzata chiusura e le cancellazioni di eventi di questi mesi. Due anni che ribadiscono la determinazione del Sindaco di Abano Terme Federico Barbierato e dell’Assessore alla Cultura Cristina Pollazzi di fare della ritrovata Villa Bassi Rathgeb il motore dell’offerta culturale rivolta alla città, agli ospiti dell’area termale euganea e ad ogni appassionato d’arte.In questi mesi, la villa, riaperta dopo 40 anni di fermo, ha ritrovato il suo “sapore” di casa, grazie alla collocazione all’interno degli ambienti affrescati e ricchi di stucchi (tutti perfettamente restaurati), di arredi d’epoca giunti dal lascito di Roberto Rathgeb, dalle sue collezioni d’arte, innanzitutto, ma anche di mobili, reperti archeologici, di armi e armature, libri, sino al suo personale fortepiano. Entrare oggi in questa plurisecolare dimora fa sentire accolti da un proprietario felice di mostrare a tutti i tesori di una vita.

I programmi 2020 / 2021



In questo magnifica villa e nell’attiguo giardino, la imminente stagione estiva offre numerosi appuntamenti: una rassegna di film dedicati ad artisti per sottolineare il ruolo del Museo come cuore pulsante della cultura e dell’arte, dei concerti di musica lirica che trovano nella magnifica loggia del Museo una scenografia incantevole che riporta ad altri tempi, incontri con scrittori che narrano di emozioni e sentimenti, dando vita ad un ricco palcoscenico naturale.Nel periodo di fine agosto e settembre il Museo si trasformerà in un laboratorio di iniziative, dal workshop di Luigi Pellanda sul dipinto iperrealista al seminario della prof.ssa Mariella Gnani che con i giovani studenti dell’Università di Urbino realizzerà dei restauri di alcune sculture della collezione.
“Vogliamo - dice l’Assessore alla Cultura Pollazzi - che il nostro Museo sia un vero e proprio motore di proposte culturali.”Il 17 ottobre si alzerà il sipario sulla mostra di gran lunga più attesa: “6/900. Da Magnasco a Fontana. Collezioni in dialogo”, curata da Virginia Baradel. In essa, un nucleo di opere, spesso capolavori, della collezione di casa, viene posto in dialogo con capolavori novecenteschi della Collezione Merlini. Moretto da Brescia vis a vis con De Chirico, Baschenis e Van Beyeren con Soffici, Severini, Melotti, Guttuso, Parmiggiani o Dorazio. Magnasco con de Pisis, Morlotti, Fontana.... A proporre un viaggio emozionate ed unico nella storia dell’arte ma anche e soprattutto nelle vicende del grande collezionismo.
La mostra si potrà ammirare nel Museo Villa Bassi Rathgeb sino al 5 aprile, accompagnata da un importante programma di eventi collaterali e di approfondimento.Il 2021 continuerà con due mostre che erano già state programmate quest’anno ma che la chiusura del museo ha reso inattuabili. Si tratta della mostra “La giusta distanza” (17 aprile – 20 giugno) dedicata ai sets cinematografici nel Veneto e della monografica di Luigi Pellanda, maestro dell’iperrealismo (28 agosto- 7 novembre).
Per l’autunno 2021, il Comune sta vagliando diverse proposte. Ipotizzando anche il ritorno della grande fotografia in Villa Bassi, dopo il successo della mostra d’esordio dedicata a Eve Arnold.
Info: Museo Villa Bassi Abano Terme | www.museovillabassiabano.it Ufficio Stampa:
Studio ESSECI, Sergio Campagnolo ref. Simone Raddi tel 049.663499
[email protected]

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph