GTranslate

 

AL PAC LA SESTA EDIZIONE DI “RI-SCATTI” RACCONTA LA SCHIAVITÙ CONTEMPORANEA DI PROSTITUTE VITTIME DELLA TRATTA NELL'HINTERLAND MILANESE

Acquistando le foto, il catalogo o la shopper della mostra si può contribuire a sostenere l’operato di Associazione Lule Onlus che si occupa di assistere le donne sfruttate

Galleria fotografica: https://drive.google.com/open?id=18uStguj1OOSAC9uI4uNF4e5N36jeuXZt

Oltre ottanta fotografie fortissime raccontano una realtà scottante, scomoda e a tratti agghiacciante: quella della condizione di schiavitù in cui nel 2020 versano ancora le vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale nell'area metropolitana della Grande Milano. Una realtà che spesso non si conosce oppure che si fa finta di non vedere e di cui si preferisce non parlare. Il risultato è un inedito racconto per immagini realizzato da sette prostitute dell’hinterland milanese, di cui tre rumene, due nigeriane e due transgender peruviane, che sono state lasciate libere di raccontarsi scattando loro stesse delle fotografie rappresentative della propria realtà, fatta sì di strada, ma anche di vita quotidiana.
Sono loro le protagoniste della mostra dal titolo “RI-SCATTI. Per le strade mercenarie del sesso”, in programma dal 16 al 25 ottobre prossimi ad ingresso libero, organizzata per il sesto anno consecutivo insieme al PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di via Palestro da Ri-scatti Onlus – l’associazione di volontariato milanese che dal 2014 realizza progetti di riscatto sociale attraverso la fotografia – e promossa dal Comune di Milano con il sostegno di Tod’s.
Non senza un risvolto charity. Le istantanee esposte durante la mostra, infatti, saranno messe in offerta e il ricavato sarà utilizzato per supportare le attività di Associazione Lule Onlus, a sostegno delle vittime della tratta a scopo di sfruttamento sessuale.



Curata dal conservatore del PAC, Diego Sileo, l’esposizione è forse la più toccante delle sei organizzate da Ri-scatti Onlus dal 2014 a oggi. Meg, Jo, Beth, Amy, Hannah, Daisy e Sallie – in realtà nomi fittizi presi a prestito dal romanzo “Piccole Donne” a tutela della loro identità – sono donne di età compresa tra i 19 e i 50 anni, talvolta mamme di bambini, qualcuno ancora neonato, altri adolescenti. Hanno affitti da pagare e spesso genitori a carico. Vivono per lo più a Milano, alcune al massimo nell'hinterland, ma sono prive della libertà perché sono schiave di uno dei mercati più spietati al mondo, strappate dai loro Paesi con promesse, inganni e violenze, per offrirsi al consumatore finale, per lo più italiano, che a sua volta le usa, talvolta le picchia e talaltra le deruba.

Con loro Amedeo Novelli, Federico Bernini e Marcello Fauci, fotografi e fotoreporter professionisti dell’agenzia “Visual Crew”, insieme al curatore Diego Sileo, hanno tenuto per tre mesi un workshop di fotografia organizzato non senza difficoltà da Ri-scatti Onlus, per accendere i riflettori su uno spaccato a dir poco terrificante. È stato possibile entrare in contatto con queste donne grazie alle educatrici del progetto Traffic Light, che le assiste ogni notte sulla strada. Grazie al rapporto di fiducia che “Traffic Light” ha costruito nel tempo, si è riusciti a tenere il corso di fotografia anche “on the road”, la notte, in un camper.
I loro scatti raccontano un mondo emarginato e spietato, una realtà dolorosa fatta di donne che hanno subito così tanto, e in modo così involontariamente coraggioso, da essere arrivate al punto di credere che ciò che sono costrette a fare sia l’unico modo per non arrendersi. Un mondo tenuto nascosto dall'ipocrisia, dall'ignoranza e dall'indifferenza della società, di chi rimane in silenzio o ancor peggio di chi fa finta di niente.

I fondi raccolti attraverso la vendita delle fotografie andranno a “Lule Onlus”, associazione laica nata nel 1998 ad Abbiategrasso, che, con 20 operatori professionisti e 35 volontari, da oltre 20 anni offre aiuto alle vittime della tratta di esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale con programmi di intervento mirato all'assistenza, all'integrazione e al recupero sociale delle stesse. Sul territorio di Città Metropolitana di Milano, Associazione Lule interviene come partner del progetto “Anti Tratta Derive e Approdi” di cui il Comune di Milano è capofila. Lo sfruttamento della prostituzione è un reato disciplinato dalla legge n. 75 del 1958. Il sistema italiano in aiuto alle vittime di tratta è considerato come un esempio da seguire a livello internazionale, per via della centralità attribuita alla vittima e alla costante attenzione per il rispetto dei suoi diritti. L’intero sistema si articola sui programmi di emersione e prima assistenza (previsti dall'articolo 13 della Legge 228/2003) e sui programmi di assistenza e integrazione sociale (previsti dall'articolo 18 del decreto legislativo 286/1998). Il Dipartimento delle Pari Opportunità finanzia in tutta Italia progetti condotti dagli Enti Anti Tratta. I progetti Anti Tratta operativi sulle 12 province della Lombardia sono due: “Derive e Approdi” (capofila Comune di Milano) e “Mettiamo le Ali” (capofila Associazione Lule).

In Italia le vittime di tratta sessuale sono circa 70.000, di cui solo 4.000 in Lombardia. Una su 4 è minorenne. Il 42% viene dalla Nigeria, il 49% dall'Est Europeo, il 4,5% dall'Albania, il 2% dall'America del Sud. I clienti sono 9 milioni, ovvero un italiano su 3 (fonti: Parsec – www.cooperativaparsec.it; Eurojust - www.eurojust.europa.eu/Pages/home.aspx).
Numeri a dir poco impressionanti che non possono passare inosservati e fanno riflettere, proprio come la singolare installazione teatrale NOBODY – “Viaggio sensoriale attraverso la tratta e lo sfruttamento sessuale”, a cura di Compagnia FavolaFolle e Lule Onlus. L’opera andrà in scena gratuitamente al PAC come evento collaterale alla mostra fotografica, nelle giornate di sabato 17 e domenica 18 ottobre, con l’obiettivo di offrire al pubblico un’esperienza immersiva e sensoriale sul tema dello sfruttamento della prostituzione e della tratta di esseri umani, per capovolgere le prospettive e attirare l’attenzione non soltanto sull'aspetto sociale, ma anche su quello umano, di un fenomeno che non accenna a diminuire.

La sfida di Ri-scatti Onlus e del PAC è quella di rompere il silenzio e l’ipocrisia e invitare ciascuno a riflettere e intervenire, sensibilizzando uomini e donne. “RI-SCATTI. Per le strade mercenarie del sesso” vuole stimolare un cambiamento culturale attraverso lo strumento della fotografia, contribuendo alla definizione di un pensiero critico relativo al tema dei diritti umani.  
Le ottanta fotografie della mostra sono state generosamente stampate anche quest’anno a titolo gratuito da FDP, laboratorio fotografico con sede a Monza dal 1976, specializzato in stampe “fine art” e “C print” nonché in stampe dirette su vari supporti.

INFO  
www.riscatti.it 
www.pacmilano.it 

ORARI DELLA MOSTRA  
Tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30 - Ingresso libero  
Durante gli orari di apertura saranno presenti operatori e volontari di Associazione Lule e progetto Traffic Light  

INSTALLAZIONE TEATRALE 
L’esperienza ha una durata di 40 minuti ed è pensata per singoli o piccoli gruppi di congiunti che accederanno all'installazione ad intervalli di 5 minuti nelle seguenti fasce orarie: - sabato 17/10: dalle ore 14.00 alle ore 19.00 (senza interruzioni) - domenica 18/10: dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.00 alle ore 19.00.   
L’accesso all'installazione è gratuito e consentito esclusivamente previa misurazione della temperatura corporea e con l’obbligo di indossare la mascherina.  
Prenotazione obbligatoria T +39 392 99 392 99  
[email protected]

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph