htMostra personale del pittore Gianluigi Serravallitp://www.okarte.it
Chiusura 28/02/2017
Serravalli vive il proprio spicchio di novecentismo in modo nostalgico e insieme dinamico, come volesse dire quadro dopo quadro che il secolo è finito, ma non la sua spinta propulsiva, e che nella nebbia è imprudente prendere troppo sul serio se stessi e sottovalutare quel che può esserci intorno.
via Nicola Antonio Porpora, 16 - 20131 - Milano mappa
Inaugurazione 18/02/2017
Gianluigi Serravalli è nato a Ferrara, e se lo porta dentro. Degli artisti ferraresi ha la capacità magica di filtrare l’osservazione del vissuto, e, là dove cala la nebbia a ottundere, fa subentrare un’abitudine di fantasia sorretta dal buon tutore della cultura.

I suoi soggetti sono per lo più manufatti: l’uomo, anche quando non si vede, la fa da padrone, e incombe. Serravalli va perciò a caccia di muri, tetti, pannelli d’intonaco disadorni oppure ornatissimi, illuminandoli con spicchi di sole e schegge di luna che stravolgono il naturale avvolgere della luce, finalizzandolo alla scoperta del costruire umano.

In questi scenari di cattedrali prepotenti, gru che languono al chiaro di luna come Pierrot meccanici e strazianti, scatole toraciche di ponti perduti contro sfondi squadrati e indefiniti di palazzi, c’è l’evolversi aureo delle architetture e l distribuirsi disarmonico e triste dei loro rifiuti.
Qua e là, incongruenti eppure essenziali, compaiono piccole figure emblematiche che hanno sapore di metafisica, citazione e sogno, animali trasfigurati, uomini irrisolti, maschere del gioco e dell’inganno.
Là dove la vena metafisica subentra l’ironia, che fa sì che le  sue  “ piazze  d’Italia ”  si  popolino  non  di manichini simbolici e ammoscianti, ma di monumenti sgangherati a cavalli cotti dall’artrosi, o a pellicani che stanno espettorandosi l’anima mezzi strozzati dalla tosse; oppure, addirittura, di se stesso, in qualche autoritratto sbeffeggiante di uomo capace di ridersi addosso.
Serravalli vive il proprio spicchio di novecentismo in modo nostalgico e insieme dinamico, come volesse dire quadro dopo quadro che il secolo è finito, ma non la sua spinta propulsiva, e che nella nebbia è imprudente prendere troppo sul serio se stessi e sottovalutare quel che può esserci intorno.
Non per niente, appunto, è nato a Ferrara.
(Testo di Giovanni Chiara)

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto