GTranslate

 

Al Mudec di Milano Frida Kahlo, la pittrice più famosa del mondo

Al Mudec di Milano Frida Kahlo, la pittrice più famosa del mondohttp://www.okarte.it
Chiusura 03/06/2018
di Clara Bartolini
Questa mostra ci offre 100 dipinti per capire la grande perizia pittorica dell'artista, l'uso del suo corpo come bandiera femminile, come emblema di una visione politica, come atto rivoluzionario. La sua pittura, la sua fisicità trasgressiva, le sue ferite, il suo abbigliamento, la sua forza e gioia di vivere, hanno fatto di lei e del suo corpo un manifesto di protesta anticipando le performance di molti artisti contemporanei.
Via Tortona, 56 Milano mappa
Inaugurazione 01/02/2018
Al Mudec dal 1 febbraio al 3 giugno, "Frida Kahlo, oltre il mito", questa volta bisogna andarci per forza. Per capire di che cosa può essere capace il femminile. Grazie alla passione del curatore Diego Silvera, che aveva da anni questo sogno nel cassetto ed è riuscito a convincere Anna Maria Montaldo direttrice del museo e con lei Sole24 Cultura, l'Instituto Nacional de Bellas Artes del Messico, i musei messicani Olmedo e Gelman e musei e collezionisti in tutto il mondo, prestatori di opere, a mettere in scena questa mostra spettacolo.

Con un progetto del genere non è stato difficile creare una fattiva sinergia con Comune di Milano Cultura e altri importantissimi sponsor. Nel museo si è voluto aggiungere l'esposizione "Il sogno degli antenati" che, con antichi manufatti messicani della collezione Mudec, riorganizzati per questa occasione a cura di Davide Dominici e Carolina Orsini, mette in luce il mondo indigeno e precolombiano che ha nutrito l'immaginario di Frida Kahlo e che emerge in molti suoi dipinti. Durante il periodo della mostra si svolgeranno incontri, dibattiti, educational, visite guidate. Anche la cucina del museo calerà il visitatore in pieno Messico con piatti tipici. Un'operazione immersiva nello stile Mudec.

Inutile dire che questo progetto ha richiesto sforzi economici e di lavoro notevolissimi. Il risultato è senz'altro valso al -Museo Delle Culture- la possibilità di collocarsi a pieno titolo tra i più originali musei d'Europa. Tante sono le opere concesse per la prima volta in Italia oltre a documenti, lettere, fotografie, filmati inediti, prestati da Casa Azul, dove abitava l'artista con il marito pittore Diego Rivera.

Questa mostra ci offre 100 dipinti per capire la grande perizia pittorica dell'artista, l'uso del suo corpo come bandiera femminile, come emblema di una visione politica, come atto rivoluzionario. Impegnata col partito di sinistra aveva conosciuto, insieme al marito, Trotsky e sua moglie fuggiti dalla Russia. La sua pittura, la sua fisicità trasgressiva, le sue ferite, il suo abbigliamento, la sua forza e gioia di vivere, hanno fatto di lei e del suo corpo un manifesto di protesta anticipando le performance di molti artisti contemporanei.
Messicana fin nel midollo, la sua determinazione non si è fatta fermare da nulla, con la sua forza ha superato ogni dramma occorsole.

Da piccina stava per morire per una malattia e, da ragazza, un mostruoso incidente su un autobus le ha fracassato il corpo (una barra di ferro l'ha trapassata uscendo dalla vagina e le ha frantumato  una gamba che resterà più corta) ma non ne ha scalfito la determinazione. Anzi, ottima ragione per dipingere, nei mesi nei quali rimase immobilizzata a letto. Lo specchio che sua madre le aveva appeso davanti per distrarla, le ha dato lo spunto per tanti autoritratti. Tantissimi nel corso della sua vita, come quasi mai nessun'altro artista. Donna libera, sia nei rapporti sentimentali che in quelli con la pittura e la vita in generale, ha avuto un appassionato e burrascoso rapporto col marito Diego Rivera, un amore travolgente ma tormentato per i continui tradimenti di lui.

Lavorando instancabilmente malgrado i dolori fisici e sentimentali, è arrivata a New York con le sue opere, il suo abbigliamento unico e smart, la sua personalità prorompente ed ha raggiunto il successo divenendo un'icona nell'arte e nella moda. Lei che si dipingeva con un realismo sfrontato, con un sopracciglio unico a forma di rondine e i baffi, quasi a voler manifestare a tutti la sua forza e la sua bisessualità. Un modello per qualunque donna questa Frida quasi fosforescente, con i suoi caratteristici abiti messicani coloratissimi, capace di ribellarsi e rinascere mille volte come una Fenice contemporanea. Grazie al Mudec possiamo applicarci in un bello studio sul femminile, quello di Frida, attualissimo e da prendere a modello, per non dubitare della propria identità. Da vedere assolutamente.
Foto: Frida Kahlo Titolo: Autoritratto con scimmia
© Photo Tom Loonan © Banco de México Diego Rivera Frida Kahlo Museums Trust, Mexico, D.F. by SIAE 2018

 
Al Mudec di Milano Frida Kahlo, la pittrice più famosa del mondoPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph