GTranslate

 

Il fascinoso mondo di Alex Prager in mostra a Londra

pariani londraChiusura 14/10/2018
di Stefano Pariani
The Photographers' Gallery è una meta d'obbligo a Londra per chiunque ami la fotografia d'autore. Aperta nel 1971 a Covent Garden, la galleria ha da sempre proposto mostre importanti, convinta del ruolo culturale e sociale della fotografia come forma d'arte. Sono passate nella galleria le opere di Robert Capa, Sebastiao Salgado e Juergen Teller, solo per fare alcuni nomi.
16-18 Ramillies Street, Soho London mappa
Inaugurazione 15/06/2018
The Photographers' Gallery è una meta d'obbligo a Londra per chiunque ami la fotografia d'autore. Aperta nel 1971 a Covent Garden, la galleria ha da sempre proposto mostre importanti, convinta del ruolo culturale e sociale della fotografia come forma d'arte. Sono passate nella galleria le opere di Robert Capa, Sebastiao Salgado e Juergen Teller, solo per fare alcuni nomi. Nel 2012 ha aperto la sua nuova sede nella zona di Soho in un ex-laboratorio tessile, disponendo le sue sale su diversi piani espositivi, che ospitano anche più di una mostra fotografica, oltre ad attività culturali e incontri.

In questo periodo è in scena l'opera fotografica e cinematografica di un'artista molto interessante, l'americana Alex Prager, nella mostra “Silver Lake Drive”. Nata a Los Angeles nel 1979, la Prager è suggestionata dall'immaginario e dall'estetica hollywoodiana di metà '900 e realizza scatti dai colori accesi e dall'impianto cinematografico, alcuni dei quali affollati da personaggi che sembrano colti in un fermo immagine o protagonisti di una studiata mise en scène. Sono le fotografie della serie “Crowd”, che mostrano una variopinta moltitudine di persone atteggiate in diverse pose ed espressioni in ampi spazi - strade, cinema, spiagge - con acconciature, abbigliamenti e oggetti che sono un dichiarato omaggio agli anni '50 e '60. Si viene così proiettati in un altro mondo, dove si perdono i confini tra realtà e finzione, e lo sguardo viene catturato da questi personaggi, a volte surreali, che popolano il mondo dell'artista americana.

Accanto a questa tipologia di foto la Prager rende in altri momenti protagonista assoluta la figura femminile in pose molto stilizzate, che richiamano i film di Hitchcock (“The Big Valley: Eve” è un esplicito riferimento a Tippi Hedren ne “Gli uccelli”) o le malinconiche eroine dei film di Douglas Sirk, in cui la ricerca estetica di luci, colori e inquadrature è studiatissima e precisa.

L'artista americana è anche filmaker e in mostra sono proiettati in piccole sale, in stretto dialogo con le fotografie esposte, i suoi lavori, cominciando da “Despair” (2010), un cortometraggio presentato al MoMA nella collettiva “New Photography”, in cui una giovane donna (Bryce Dallas Howard) che pare uscita da un mèlo anni '50 prende una drammatica decisione dopo una telefonata da una cabina in strada. “La petite mort” (2012) segue lo sguardo elegante e ipnotico di Judith Godreche lungo il tragitto di binari fatali, mentre uno dei suoi più recenti lavori, “La grande Sortie”, lascia il territorio losangelino per l'Opéra Bastille di Parigi, dove la prima ballerina (Emilie Cozette) affronta la sua performance davanti al pubblico in un crescendo di ansia e allucinazioni, faccia a faccia con la sua recondita paura: il giudizio del critico più severo, ossia se stessa.

Scoprire l'opera di Alex Prager, in Italia forse ancora poco nota, può essere un'esperienza in qualche modo totalizzante: volti, sguardi, stile e rimandi iconografici trasportano in una dimensione-altra, estetizzante e glamour, dalla quale ci si sente attratti e, forse, anche ipnotizzati.

Alex Prager: Silver Lake Drive
The Photographers' Gallery
16-18 Ramillies Street, Soho
London
15/06 – 14/10/2018


 
Il fascinoso mondo di Alex Prager in mostra a LondraPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph