GTranslate

 

Zapatos Rojos: la marcia delle donne assenti

redatto da Giulia Sanlorenzo - [email protected]

Inaugurazione 2/3/13 - Chiusura 3/3/13

Piazza Castello, Torino galleria fotografica

 Descrizione: Centinaia di scarpe rosse per dire basta alla violenza sulle donne. Un progetto d'arte collettiva ad opera dall'artista messicana Elina Chauvet e a cura di Francesca Guerisoli. “Ogni paio di scarpe, reperito attraverso l'attivazione di una rete di solidarietà, rappresenta una donna e la traccia di una violenza subita. Sistemate ordinatamente lungo un percorso urbano, le scarpe ne ridisegnano lo spazio e l'estetica, visualizzando una marcia di donne assenti, un corteo che sottolinea il dolore che tale mancanza provoca tanto a livello sociale quanto familiare.” L’installazione che denuncia la violenza sulle donne e le morti femminili nasce a Ciudad Juárez, zona di frontiera, dove dal 1993 centinaia di donne vengono rapite, stuprate e assassinate. La città dove per la prima volta viene utilizzato il termine femminicidio.

Nel 2009 Elina Chauvet, con un’installazione composta da trentatré paia di scarpe rosse, ha voluto denunciare l’impunità di una cultura maschilista chiedendo rispetto per il sesso non debole, ma sopraffatto. Il progetto non si è fermato in Messico, ma è partito alla conquista di altre città, e con la forza che solo le giuste cause possiedono, sta diffondendosi. Il 2 marzo sarà la volta di Torino (quarta città in Europa ,dopo Milano, Genova e Lecce), le Zapatos Rojos invaderanno Piazza Castello. Non un vernissage d’arte, ma una chiamata per tutti cittadini. Ognuno di essi è invitato a portare un paio di scarpe da donna (rosse o da dipingere) per dire basta alla violenza di genere. Zapatos Rojos è un progetto voluto e organizzato dalla Città di Torino, in collaborazione con il Tavolo torinese per le Madri di Ciudad Juárez, composto da Amnesty International, Sur Società Umane Resistenti, Donne di Sabbia, Donne in Nero, Casa delle Donne, Se Non Ora Quando, Antropocosmos, Ass. Almaterra, Libera, Il Salvagente, Acmos, Urzene. Giulia Sanlorenzo
galleria fotografica

 

Pin It

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto