GTranslate

 

Giovanni Bellini. Un capolavoro per Venezia: "L'ebbrezza di Noè"

http://www.okarte.it
Inaugurazione 05/03/2016  - Chiusura 18/06/2016
Piazza San Marco - Venezia mappaGiovanni Bellini. Un capolavoro per Venezia:
L’evento, progettato sotto la guida scientifica di Pierre Rosenberg e con la collaborazione dell’Alliance Française, ha come essenziale generoso partner il Musée des Beaux-Arts et d’Archéologie di Besançon, che dal 1895 custodisce nelle sue raccolte l’opera, probabilmente l’ultima dipinta dall’anziano 'patriarca’ della pittura veneziana nel 1515, a lui attribuita definitivamente nel corso del '900 dopo una discussione critica durata quattro secoli. Ritorna dunque a Venezia questo che è indubbiamente uno dei quadri più rappresentativi, ma forse anche il più sorprendente, dell’intera produzione pittorica di Bellini.
mappa 05/03/2016 18/06/2016 Piazza San Marco - Venezia
Il progetto “Un capolavoro per Venezia” apre al Museo Correr le celebrazioni del cinquecentenario della morte di Giovanni Bellini (Venezia 1430 ca. – 1516), indiscusso 'padre nobile’ della pittura veneziana e protagonista del Rinascimento italiano, con la presentazione de L’ebbrezza di Noé (Ivresse de Noé), uno dei suoi più eloquenti capolavori, ospitato dal 5 marzo al 18 giugno nella Sala delle Quattro Porte, vicinissimo ad altri suoi capisaldi pittorici posseduti dal Correr.

L’evento, progettato sotto la guida scientifica di Pierre Rosenberg e con la collaborazione dell’Alliance Française, ha come essenziale generoso partner il Musée des Beaux-Arts et d’Archéologie di Besançon, che dal 1895 custodisce nelle sue raccolte l’opera, probabilmente l’ultima dipinta dall’anziano 'patriarca’ della pittura veneziana nel 1515, a lui attribuita definitivamente nel corso del '900 dopo una discussione critica durata quattro secoli. Ritorna dunque a Venezia questo che è indubbiamente uno dei quadri più rappresentativi, ma forse anche il più sorprendente, dell’intera produzione pittorica di Bellini.

Questi, definito nel 1506 da Dürer come «molto vecchio, ma ancora il miglior pittore di tutti», stava allora affrontando nuovi soggetti in una serie di pitture, tra cui l’ Ebbrezza di Noé, l’unica ispirata all’Antico Testamento.  Tratto dalla Genesi (9.18-27), il tema evoca l’episodio in cui Noé, ubriaco per aver bevuto molto buon vino della sua vigna, si è addormentato nudo. Suo figlio Cam lo ritrova assopito, ride nel vedere ciò che i Greci chiamavano le “parti vergognose” e chiama i fratelli che, sopraggiunti, vogliono coprire l’anziano padre. Per l’irrispettosa irrisione Noé maledirà e condannerà alla schiavitù Cam e la discendenza di suo figlio Canaan. Questo dramma familiare fu dagli esegeti interpretato come il ripristino di un ordine gerarchico tra i sopravvissuti al diluvio purificatore, causa e giustificazione della futura disuguaglianza tra gli uomini che discendono dai tre fratelli.

La tela è una sorta di 'testamento visivo’ dell’anziano pittore che, abbandonato il proprio mondo quattrocentesco, si proietta coraggioso e sicuro dentro il Cinquecento, mostrando chiaramente di volersi avvicinare allo stile innovativo e, soprattutto, alla poetica interiore del suo discepolo Giorgione, morto prematuramente nel 1510. Infatti, l’intensa espressività psicologica dei tre fratelli intorno alla figura di Noé, resa con le sottili fusioni cromatiche e le vibrazioni di tocco di una estrema libertà di pennello, per lui finora inusitata, conferisce a questo dipinto le inconfondibili qualità di atmosfera e soffuso intimismo che Bellini, pur al capolinea della propria lunga e sfolgorante carriera, dimostra di aver voluto e saputo assimilare dalla 'rivoluzione’ del giovane allievo Giorgione; per giunta, essendo ancora capace di inventare un’interpretazione iconografica e narrativa nuova, su di un tema biblico alquanto raro.

Per celebrare la figura di Giovanni Bellini nel cinquecentenario della morte la città di Venezia si è coordinata in un programma che, insieme al Comune di Venezia e alla Fondazione Musei Civici di Venezia, coinvolgerà nel corso dell’anno il Polo Museale del Veneto, le Soprintendenze Belle Arti e Paesaggio di Venezia e Laguna e quelle per Padova, Treviso, Rovigo, Verona, Vicenza, l’Ufficio Beni Culturali del Patriarcato di Venezia, le Gallerie dell’Accademia, la Fondazione Querini Stampalia, il Sovrano Militare Ordine di Malta, l’Accademia dei Concordi di Rovigo, i Musei Civici di Vicenza, i Musei Civici di Verona, i Musei Civici di Padova, il Museo Bailo di Treviso, in una serie di eventi che prevedono itinerari in città e nelle chiese, un convegno, due conferenze al museo Correr e altre iniziative espositive. “Un capolavoro per Venezia” vedrà di volta in volta ritornare in Laguna capolavori dell’arte veneziana tra '500 e '800 poco conosciuti dal pubblico italiano, provenienti specialmente da musei stranieri.
Giovanni Bellini. Un capolavoro per Venezia:
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph