ALLA FONDAZIONE ADOLFO PINI UN WORKSHOP CON SALVATORE IACONESI E ORIANA PERSICO

Sabato 9 e domenica 10 novembre 2019 ALLA FONDAZIONE ADOLFO PINI UN WORKSHOP CON SALVATORE IACONESI E ORIANA PERSICO
 Un’intelligenza artificiale di quartiere? Pratiche di agopuntura digitale urbana Quando l'arte funge da collante tra scienze, politica, antropologia ed economia Ore 10:00 - 13.00 | 14.30 - 17:00 Fondazione Adolfo Pini – Corso Garibaldi 2, Milano

Partecipazione gratuita su iscrizione a numero chiuso Bando per partecipare disponibile al link: https://urly.it/32aq1
DEADLINE PER ISCRIVERSI: Mercoledì 30 ottobre 2019 Info: [email protected]
OBIETTIVO, la prima opera d’arte datapoietica, alla Collezione Farnesina. Courtesy Datapoiesis - foto di Carola Gatta

Sabato 9 e domenica 10 novembre dalle ore 10.00 alle ore 17.00, nell’ambito del progetto Casa dei Saperi, la Fondazione Adolfo Pini propone un workshop condotto da Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, ingegnere robotico, hacker, TeD e Eisenhower Fellow lui, esperta di comunicazione e inclusione digitale e cyber-ecologista lei, dal titolo Un’intelligenza artificiale di quartiere? Pratiche di agopuntura digitale urbana.

Ideato e diretto da Valeria Cantoni Mamiani, Casa dei Saperi è un laboratorio transdisciplinare di pensiero critico sui temi urgenti del contemporaneo. Per il biennio 2019/2020 il progetto vedrà alternarsi talk, workshop, seminari, lecture e proiezioni sul tema delle “Nuove Utopie”, a cura di Sonia D’Alto, Elisa Gianni, Itamar Gov, Cristina Travanini e Alessia Zabatino.

 Il workshop di sabato e domenica (ore 10:00 – 13:00 | 15:00 – 17:00) riguarda la costruzione di una intelligenza artificiale open source che non estrae dati dalle persone, ma attiva con esse dei processi di partecipazione consapevole in modo da riflettere criticamente e immaginare collaborativamente una nuova infrastruttura di dati a disposizione di un quartiere. “L'Intelligenza Artificiale è forse la tecnologia relazionale per eccellenza”, scrivono Salvatore Iaconesi e Oriana Persico in un recente articolo pubblicato sulla piattaforma CheFare, “le nuove opportunità di relazionarsi con i sistemi generati dalle Intelligenze Artificiali si trasformano anche in nuove opportunità di relazionarsi con tutti gli altri attori dell'ecosistema”. Siamo circondati da intelligenze artificiali e siamo “classificati” in base ai dati estratti dai nostri comportamenti, ma non possiamo sapere a quale classe apparteniamo e come ci vede l'algoritmo, sebbene l'industria estrattiva dei dati esista e faccia profitto da queste “estrazioni”.  Salvatore Iaconesi e Oriana Persico si occupano da tempo delle mutazioni della società generate dalle tecnologie ubique e stanno lavorando alla costruzione di IAQOS, la prima Intelligenza Artificiale di quartiere sviluppata nel quartiere di Torpignattara (Roma) attraverso workshop, performance, azioni in strada, sperimentando un processo partecipativo assolutamente inedito per la raccolta dei dati e per il loro utilizzo in interventi di agopuntura digitale urbana.
OBIETTIVO, la prima opera d’arte datapoietica, alla Collezione Farnesina. Courtesy Datapoiesis - foto di Carola Gatta

Durante il workshop i partecipanti potranno quindi conoscere e sperimentare le diverse modalità, tecnologiche e relazionali, tramite le quali si può costruire e utilizzare un’intelligenza artificiale di quartiere attraverso il coinvolgimento diretto degli abitanti, in modo da migliorare le condizioni di vita e le relazioni, anche interculturali.

Più nel dettaglio, con i due giorni di laboratorio la Fondazione Adolfo Pini dà l’opportunità a artisti, curatori, sociologi, ricercatori, designer, informatici, hacker, pianificatori territoriali, animatori di comunità e appassionati di confrontarsi con Salvatore Iaconesi e Oriana Persico. La coppia promuove una visione del mondo in cui l’arte è il collante tra scienze, politica ed economia. Sono autori di performance globali, pubblicazioni e opere esposte in tutto il mondo. Insegnano Near Future Design presso l’ISIA di Firenze. Il workshop, gratuito, a porte chiuse e della durata di due giorni, è aperto a un massimo di venti persone, tra cui almeno dieci di età compresa tra i 25 e i 35 anni (bando per partecipare disponibile al link: https://urly.it/32aq1). La selezione dei partecipanti è effettuata da una commissione che comprende i cinque componenti del Team Curatoriale di Casa dei Saperi, insieme alla Direzione culturale della Fondazione Adolfo Pini. Deadline iscrizioni: 30 ottobre. I selezionati per il workshop di novembre riceveranno conferma della loro partecipazione entro il 4 novembre.
Team_Casa dei Saperi_Fondazione Adolfo Pini_Milano_photo credit Elena Rosignoli
Scarica il  COMUNICATO STAMPA

Sabato 9 e domenica 10 novembre 2019

Ore 10:00 - 13.00 | 14.30 - 17:00

WORKSHOP CON SALVATORE IACONESI E ORIANA PERSICO

Un’intelligenza artificiale di quartiere? Pratiche di agopuntura digitale urbana

Partecipazione gratuita su iscrizione, a numero chiuso

Bando per partecipare disponibile al link: https://urly.it/32aq1

DEADLINE PER ISCRIVERSI: Mercoledì 30 ottobre 2019

Info: [email protected]

Informazioni
Fondazione Adolfo Pini
Corso Garibaldi 2, Milano
Tel. 02 874502
www.fondazionepini.net

 

Ufficio stampa Fondazione Adolfo Pini

ddl

Alessandra de Antonellis

E-mail: [email protected] T 3393637388

Laura Cometa

E-mail: [email protected] T 3271778443

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...