GTranslate

 

di Roberto Zaoner       

Questa poesia vuole rappresentare il miracolo dell’amore tra uomo e donna: l’amore sincero, vicendevole, rispettoso, intenso, profondo e totale. La poesia potrebbe apparire enigmatica, ma non lambiccata. L’autore non vuole renderla di difficile comprensione, ma l’intento è di creare uno scritto ove si augura di godere con la propria compagna di vita i meravigliosi momenti che hanno vissuto insieme, non senza le difficoltà che talvolta si sono presentate nella loro vita di coppia. Uomo e donna ancora innamorati, che bramano di vivere insieme anche nella dimensione oltre i limiti terreni, di spazio e di tempo. Amori infiniti, non impossibili.  

   Roberto Zaoner    (16/12/2018)
     

  LA PORTA DELLA LUCE

  LA PORTA DELLA LUCE

E la luna inargentò quella mia mirata

collina e il mio sembiante s’illuminò

del suo riflesso. Or pensieri mi appaiono

più lucenti alla coscienza del mio essere.



Vado via per questa strada e non odo

i frastuoni di tutto ciò che mi circonda.

Quei lampioni di luci tenue mi

accompagnano nel mio volgere di un

trafelato e triste animo.




Tu sei il mio stupore. Sei la meraviglia

dei miei mali. Non sei un inganno. Ti stupirò

col mio cuore che anela all’infinito amore.

E ti seguirò alla porta della luce. L’amore

ineffabile ci aspetta.




Ti porterò nelle segrete stanze ove tutto

è luce, e dell’amore imperituro ne farò

una carezza che addolcirà il tuo bel viso.





Amore che non conosce abbandono né

tristezza, e io sarò lì ad aspettarti. E come

tante ancelle che servono i loro padroni e,

servizievoli si curano della loro dimora,

ti donerò il mio cuore piangente di gioia.



02/10/2018

Roberto Zaoner









LA PORTA DELLA LUCE 2